in

Roma, Mourinho: “Mkhitaryan? Sembrava fosse diventato scarso. Su Zaniolo…”

José Mourinho, allenatore della Roma, ha parlato di Henrix Mkhitaryan e di Niccolò Zaniolo al termine del successo contro il Genoa

José Mourinho, allenatore della Roma
José Mourinho, allenatore della Roma

Torna alla vittoria la Roma, che col successo di Marassi contro il Genoa si porta al quinto posto in classifica con 22 punti all’attivo: decisiva la doppietta del quasi esordiente Felix Afena-Gyan. Nel post-partita, l’allenatore dei giallorossi, José Mourinho, ha parlato di Henrix Mkhitaryan e Niccolò Zaniolo, entrambi finiti al centro di alcune voci in seguito al loro scarso utilizzo durante le ultime uscite.


Scarica la nostra App


MKHITARYAN“Sembrava che Mkhitaryan nelle ultime due settimane fosse diventato un giocatore scarso, che c’è un problema con lui, che avevamo litigato. Ieri lui è stato il migliore in campo e sicuramente domani la storia sarà diversa. Ho pensato che avremmo potuto far bene così e Mkhitaryan ha tutto, ha esperienza, tecnica e condizione fisica e si è visto nel primo gol. Quello che è stato più importante è stata la sua forza psicologica perché ho capito già che a Roma non è facile: un giorno sei incredibile e l’altro sei scarso. Per me la sua forza è la sua personalità perché a centrocampo ha fatto una grande partita”.

ZANIOLOIl problema non è Zaniolo. Io sono contento. Se ho tempo per lavorare e per sviluppare lo vedo anche come uno dei due attaccanti perché lo può fare. Quando ho messo Felix, ho pensato a lui e Nicolò insieme però ho visto il Genoa che si abbassava e c’era poco spazio per giocare e quindi non era una partita per Zaniolo. Non c’è nessun problema. Giovedì o domenica sicuramente giocherà. Questa settimana ho letto problemi con Mkhitaryan, con Zaniolo e con tutti. Dopo che abbiamo segnato il primo gol in panchina sembrava che avessimo vinto la Champions. Roma è divertente però…”.