Menu

Francesco Totti, ex capitano della Roma

Roma, Totti annuncia: “Incontrerò i Friedkin quando mi inviteranno”

La Roma di Dan Friedkin sta iniziando a prendere forma. In sede di mercato le trattative sono tante. Pedro è l’unico arrivo ufficiale, mentre Mkhitaryan dopo aver rescisso con l’Arsenal è diventato a giallorosso a titolo definitivo. La dirigenza punta a tenere anche Smalling, ma spunta l’ipotesi del giovane Neuhen Perez dell’Atletico Madrid. Tra i partenti Kolarov e Schick sono ormai destinati a Inter e Bayer Levrkusen. Con Dzeko molto vicino alla Juventus, il club capitolino si vuole gettare su Milik in una trattativa che potrebbe portare anche Maksimovic all’Olimpico con Under, Veretout e Riccardi verso il Vesuvio. Intanto però con la nuova dirigenza potrebbe tornare Francesco Totti, pronto ad un incontro con la famiglia Friedkin.

Dan Friedkin
Dan Friedkin, nuovo presidente della Roma

Totti: “Con Conte pensavo di avercela fatta”

Francesco Totti prima di iniziare la sua avventura da talent scout aveva trascorso circa due anni da dirigente della Roma. Alcune incomprensioni con Pallotta però hanno interrotto il suo lavoro. Adesso con Friedkin le cose potrebbero cambiare e in un intervistata rilasciata a La Repubblica ha aperto la porta alla nuova proprietà: “Inconterò la famiglia Friedkin quando mi inviteranno a prendere un caffè e sinceramente penso che succederà. Ma al momento non c’è stato alcun contatto. Dan Friedkin ha capito in fretta la cosa fondamentale: a Roma la proprietà deve essere fisicamente presente e l’annuncio che il figlio Ryan verrà a vivere qui va nella giusta direzione. Pallotta ha commesso degli errori perchè decideva in base a notizie riportate. Il proprietario deve viverle in diretta. E’ naturale pensare che io e la Roma prima o poi ci ritroveremo. Ma i tempi non li detto io“.

Intervistato da Paolo Condò la bandiera giallorossa ha anche parlato della sua attività di scouting: “E’ molto divertente il momento in cui i nuovi assistiti entrano nella sala riunoni e trovano me. Voglio dire che firmando con la nostra agenzia,’nostra’ perchè io posso solo fare scouting e il mio socio quindi cura i rapporti con i club. I ragazzi si aspettano di parlare con un procuratore. Invece ci sono io e sul momento rimangono a bocca aperta. Il mio appeal è ancora discreto, sui giovani e sui genitori. Lavoro con vecchi amici: Candela segue la Francia, Aldair il Sudamerica. Assieme cerchiamo ragazzi con qualità di base notevoli e spieghiamo loro la mentalità che porta al vertice. Due settimane fa abbiamo preso Mattia Almaviva. Il ragazzo a cui consegnai la fascia da capitano dopo l’addio. Mi sono commosso di nuovo“.

Il Pupone infine ha raccontato come l’anno passato era vicino a portare Antonio Conte sulla panchina della Roma: “Pensavo di avercela fatta, anche Fienga si stava convincendo ormai. Parlai con Antonio per 10 giorni in modo sempre più dettagliato, voleva sapere tutto, giocatori da cedere e da prendere, clima interno allo spogliatoio, pretendeva soltanto tre figure a contatto con la squadra e gli altri tutti lontani, l’avremmo accontentato. Ci rimasi male quando alla fine scelse l’Inter“.

Ti potrebbe interessare

Back to Top

Ad Blocker Rilevato!

Il nostro è un giornale gratuito ed offriamo informazione regolarmente tutti i giorni senza richiedere alcun abbonamento. Le nostre uniche fonti di guadagno provengono dalle campagne pubblicitarie presenti sulle pagine del nostro portale. Per continuare a sfogliare le nostre pagine disattiva Ad Blocker per permetterci di continuare a coltivare le nostre passioni. Grazie mille e continua a leggere le pagine di Footballnews24.it

How to disable? Refresh

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.