in

Roma, un passo avanti e due indietro: altra delusione col Benevento

Nella sfida col Benevento, i giallorossi buttano via un’importante occasione per fare il salto di qualità e guadagnano un solo punto che serve a ben poco, soprattutto in vista delle prossime partite

Paulo Fonseca tecnico della Roma
Paulo Fonseca, allenatore della Roma

La Roma ancora una volta si dimostra una squadra incompiuta, che sbatte sul muro del Benevento e butta alle ortiche due punti che potevano essere fondamentali. In una Serie A che adesso vede l’Inter al primo posto in campionato, la Roma non riesce proprio a recitare un ruolo da protagonista e si lascia sfuggire una ghiotta occasione per accorciare le distanze sul Milan. La partita contro il Benevento si è rivelata più complicata del previsto, coi padroni di casa messi bene in campo e che non hanno lasciato spazi per le incursioni degli avversari.

L’espulsione di Kamil Glik avrebbe dovuto cambiare la gara in favore della Roma, che però non è riuscita a cambiare passo e si è fatta imbrigliare dalle trame difensive ideate dal tecnico Filippo Inzaghi. Un punto guadagnato, ma soprattutto due punti persi per la squadra allenata dal tecnico Fonseca, che ora dovrà ricompattarsi e riprendere a giocare al meglio, perché altre prestazioni deludenti come quella offerta contro il Benevento potrebbero seriamente compromettere la qualificazione alla prossima Champions League.

Paulo Fonseca ed Edin Dzeko, allenatore e attaccante della Roma
Paulo Fonseca ed Edin Dzeko, allenatore e attaccante della Roma

Roma, il progetto non decolla

Il percorso di crescita della Roma ha alternato fasi molto positive ad altre meno brillanti: il caso relativo alla rottura tra il tecnico Fonseca ed Edin Dzeko ha sottratto parecchie energie psicofisiche ai giallorossi, che ora possono contare di nuovo sul centravanti bosniaco in questa seconda parte di stagione. La dicotomia tra Dzeko e Borja Mayoral al momento può risultare quasi un peso per i giallorossi, ma potrebbe diventare una soluzione tattica in più, come già in alcune occasioni il mister Fonseca ha sperimentato. Serve però un rapido cambio di marcia a partire dal prossimo delicatissimo scontro diretto col Milan, che potrebbe rilanciare il progetto in caso di vittoria o farlo affondare definitivamente nel caso dovesse arrivare una sconfitta.

Andrea Pirlo (Juventus)

Juventus, che fatica con le “piccole”: bassa media punti e sfida delicata con il Crotone

Stefano Pioli, allenatore del Milan @Image Sport

Milan, non è più il 2020: quinta sconfitta dell’anno e squadra in difficoltà