Sandro Mazzola (Inter) @Image Sport
in

Sandro Mazzola in ESCLUSIVA: “Conte è un grande allenatore. Mourinho alla Roma mi fa uno strano effetto. Pirlo? Spero resti alla Juventus, così l’Inter…”

In esclusiva ai nostri microfoni Sandro Mazzola. L’ex giocatore dell’Inter ha ripercorso alcune fasi salienti della sua carriera, ricordano il padre Valentino, storico capitano del Grande Torino, soffermandosi anche sul calcio attuale, dall’Inter di Conte alla Juventus di Andrea Pirlo, passando per Josè Mourinho

Mazzola in ESCLUSIVA: “Spero che Pirlo resti alla Juve, così l’Inter vince”

Sandro Mazzola è stato un dirigente sportivo ed un ex calciatore italiano, campione d’Europa nel 1968 e vicecampione del mondo nel 1970 con la Nazionale Italiana. Viene considerato come uno dei migliori calciatori italiani di sempre. Figlio di Valentino, storico capitano del “Grande Torino“, ha legato il proprio nome a quello dell’Inter, con la quale ha giocato ben 17 anni, dal 1960 al 1977, collezionato in totale 565 presenze e 158 reti e vinto quattro campionati nazionali, due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali. Dell’Inter è stato anche capitano per sette stagioni, succedendo a Mario Corso. Oggi lo abbiamo intercettato ai nostri microfoni.

A maggio si commemora la tragedia di Superga. Ci racconti del Grande Torino?

Ho pochi ricordi. Ero la mascotte della squadra granata vista la mia giovane età. Nel derby della Mole tra Juventus e Torino, ero a bordocampo a guardare mio papà che era capitano, dall’altra parte c’era il capitano della Juve. Andavamo a centrocampo durante il riscaldamento e ci facevamo le boccacce uno con l’altro”.

Grande Torino, per sempre Invincibili
Valentino Mazzola con il figlio Sandro

Che ricordi hai di tuo papà ?Di mio papà rammento che mi teneva per mano per le vie di Torino. Mi portava nei negozi e tutti lo salutavano, perché tutti lo conoscevano. Poi quando tornavamo a casa, io volevo giocare a pallone con lui nel cortile e mi accontentava. E’ stato un grande maestro per me, mi faceva vedere come si calciava di sinistro, di destro. Stare con lui era bellissimo, purtroppo se n’è andato via troppo presto“.

Hai avuto un grande amore in tutta la tua carriera, l’Inter. Che ricordi hai di questo sodalizio vincente con la squadra milanese?

L’Inter è stata l’unica squadra che ha voluto puntare su di me ed ha avuto il coraggio di tenermi. Giocavo per una vecchia squadra che si chiamava Cimilanese, piccola realtà dell’oratorio. Questa era l’unica che prima aveva puntato su di me. Ho avuto, poi, la fortuna di essere acquistato dalla squadra milanese. Cambiò la mia vita in tutto e per tutto. C’è da dire che io feci un provino con la squadra nerazzurra quand’ero ragazzino, ma mi scartarono. Il tecnico della Cimilanese mi disse allora “Vieni a giocare con noi“.

Chi ti ha portato in nerazzurro?

Benito Lorenzi, un ex giocatore dell’Inter. Veniva sempre convocato in Nazionale, ma non giocava mai. Giocavano sempre i giocatori del Torino che erano 9. Rimase esterrefatto dalla figura di mio padre quando, un giorno, andò dal commissario tecnico della Nazionale e gli disse “Questo lo convochi sempre, ma non lo fai mai giocare, fallo giocare qualche volta, mister”. Da quel momento, mio padre fu come un Dio per lui. Un giorno, poi, viste le mie qualità alla Cimilanese, Benito, che era diventato un osservatore dell’Inter, mi portò in nerazzurro. Dalla Cimilanese all’Inter ho fatto un bel passo. Non ci credetti subito a quest’improvviso salto di qualità, era tutto un mondo diverso. Mi sono preso, però, una bella rivincita nei confronti della squadra che mi scartò tempo addietro. Ho davvero dimostrato il mio valore”.

Sandro Mazzola
Sandro Mazzola

Hai mai pensato di lasciare l’Inter? È stato mai corteggiato da altri club?

Certo che sono stato corteggiato da tante squadre. Con maggiore insistenza, mi ha fatto la corte la Juventus, nella persona di Giampiero Boniperti. Ad un certo punto della mia carriera, potevo anche trasferirmi in bianconero. Avevo il contratto in scadenza con l’Inter ed un giorno, nel campo di allenamento, vidi una macchina targata Torino. Era proprio Giampiero, che mi disse se volevo prendermi un caffè con lui. Chiacchierammo tanto quel giorno ed ammise, di nascosto, che tifava per mio padre quando giocava al Torino. Uscì i documenti e mi offrì la possibilità di concludere la carriera alla Juve. Gli risposi che ci dovevo pensare. Arrivai a casa e non volevo mangiare. Ad un certo punto, mia madre preoccupata, mi disse “Insomma mi puoi dire cos’hai?”. E gli raccontai l’accaduto, gli rivelai che la Juve mi aveva sedotto, che Boniperti mi aveva offerto un bell’ingaggio. Mia madre però, rispose “Non andare alla Juve. Papà si rivolterebbe nella tomba”. Così non se ne fece nulla”.

Hai avuto l’onore di essere allenato dal “Mago” Herrera. Ci dice qualcosa in piú del personaggio?

Tremendo. Non lasciava nulla al caso. I senatori della squadra, appena videro la sua ferocia ed i suoi allenamenti, dissero: “Questo tra tre mesi lo mandiamo a casa”. Impressionante. Non potevi sbagliare nulla con lui, però a noi giovani piaceva il suo modo di allenare. I suoi allenamenti comprendevano un calcio giocato a mille all’ora, ad una velocità supersonica. Si basavano sulla resistenza, poco pallone, pochi uno contro uno. Aveva un modo di allenare diverso dagli altri”.

Qual è la vittoria più bella che hai ottenuto nella sua carriera?

Quella col Real Madrid, nella prima Champions che ho vinto con l’Inter. Alfredo Di Stefano era uno dei miei più grandi idoli ed ero estasiato di giocare contro di lui. Quando scesi in campo lo guardavo a bocca aperta. Picchi, che era un grande capitano, allora mi disse “Sandro noi giochiamo la partita, tu vuoi guardare all’infinito Di Stefano?”. In quella partita, realizzai due reti e vincemmo quella competizione. Alla fine, tra l’altro, Di Stefano venne da me e mi disse “Complimenti. Sei il degno erede di tuo padre”. Fu davvero una grandissima gioia per me”.

Spesso la memoria del Grande Torino viene infangata. Secondo te cosa si può fare per evitare che questo ricapiti ancora?

Parlare alle nuove generazioni, far conoscere quella fantastica squadra che era il Torino tramite filmati d’epoca che fanno vedere da vicino il gioco di quei calciatori. Gioco che non era per nulla antico, anzi si avvicinava tantissimo al calcio moderno. Si deve fare in modo di ricordare tutte le vittorie di quella fantastica squadra, che era capace di compiere delle imprese straordinarie. Quando lavoravo alla Rai, ho avuto modo di vedere alcuni filmati del “Grande Torino”. Sono rimasto allibito, era una grandissima squadra. Affiatamento, capacità tecnico tattiche impressionanti, si capivamo tra di loro alla perfezione. Tra l’altro 9 giocatori su 11 erano titolari nella Nazionale Italiana. Una grandissima cosa davvero. Mi piaceva molto vedere giocare quel Torino. Avevano la grande dote di fare gruppo, erano semplicemente unici“.

Steven Zhang, Presidente dell'Inter
Steven Zhang, Presidente dell’Inter

Che idea ti sei fatto della crisi finanziaria dell’Inter in questo momento? Se fossi dirigente cosa faresti per oltrepassare questo problema?

Bisogna essere dentro la società per dire di più. E’ un bel problema. Si deve valutare tutto. E’ necessario vedere se i giovani sono davvero validi. Poi si può valutare se possano prendere il posto di un titolare, che potrebbe essere venduto per riequilibrare i conti. Importante sarebbe valutare i giocatori ad uno ad uno. Analizzare cosa possono fare e poi decidere se privarsi di qualcuno o meno. Io, quando sono entrato a fare l’amministratore delegato della squadra nerazzurra, ricordo che eravamo in deficit. 3 anni dopo abbiamo riequilibrato il tutto con investimenti mirati e cessioni dolorose. Cessioni che, però, non hanno compromesso la competitività della squadra. Oggi, non saprei. Non sono più un dirigente della squadra”.  

Da dirigente comprasti il grande Javier Zanetti, come lo hai scoperto?

Volevo un altro calciatore della sua squadra ai tempi, il centravanti. Costava troppo e non potevamo permettercelo. Andai a seguire questa squadra in Argentina, però, mi innamorai di Javier e dissi “Cavolo, questo è davvero forte” (ride ndr). Dopo l’allenamento mi fermai con lui per parlargli, per capire che tipo era. Mi fece una bella impressione, mi disse che all’Inter sarebbe venuto di corsa. Mi piacque molto. Tanto che poi sono tornato a Milano con l’accordo per il calciatore in mano“.

Hai un bel rapporto con Massimo Moratti. Ci parla del personaggio?

“Più che con lui, io avevo un gran rapporto con suo padre, Angelo, davvero un grande personaggio. Ha rivoluzionato il modo di gestire una squadra di calcio. Con lui, gli auguri di Natale non si facevano in sede, ma si andava tutti a casa sua e ci dava una medaglietta d’oro. Era un personaggio unico. Non faceva notare il distacco tra il presidente di una società ed i suoi dipendenti. Anzi, ci faceva sentire importanti allo stesso modo. Veniva a vedere gli allenamenti, ti faceva il discorsetto. Poi. quando c’era un calciatore in difficoltà, lo chiamava, gli metteva una mano sulla spalla e cercava in tutti i modi di rincuorarlo. Veramente, era una persona squisita“.

Secondo te cosa manca all’Inter attuale per vincere la Champions?

“Io con la mano sinistra tengo il telefono, con la destra mi sono toccato lì sotto (ride ndr). Si proprio quelle, le palle. Non si dice mai questo. Scherzo comunque. Però l’ho fatto davvero“.

Antonio Conte, tecnico dell'Inter
Antonio Conte, tecnico dell’Inter @Image Sport

Conte resterà sulla panchina dell’Inter la prossima stagione?

Dipende come va con questa situazione finanziaria. Se si risolve come io spero, penso di si. Penso sia una bella persona ed un grande allenatore. A me piace tanto Antonio“.

Che effetto ti fa vedere Mourinho, uno dei fautori del Triplete nerazzurro nel 2010, il prossimo anno sulla panchina della Roma?

“Guardi, io non ho mai seguito una squadra per un personaggio. Non le nego che con lui è diverso. Quando l’ho visto la prima volta all’Inter, mi sono innamorato della sua personalità, della sua professionalità, della sua grinta. Mi sono subito sentito suo tifoso. Mi farà un certo effetto vederlo su un’altra panchina in Italia che non sia quella nerazzurra”.

Che differenze ci sono tra il tuo calcio e quello attuale?

Il calcio attuale è molto tattico e più veloce, quello del passato era meno veloce, più grintoso secondo me. Tra l’altro c’era anche più competizione di giocatori prima. Tutte le squadre avevano almeno un grande calciatore“.

Andrea Pirlo, allenatore della Juventus @Image Sport
Andrea Pirlo, allenatore della Juventus @Image Sport

In questo momento la Juve è in seria difficoltà. Daresti ancora fiducia a Pirlo?

Pirlo è stato un centrocampista importante, un grandissimo campione. Da allenatore, era normale sarebbe andato un po’ in difficoltà, perché è al suo primo anno in panchina. Credo che un anno no può capitare a chiunque. Di calcio, però, ne capisce parecchio. Si deve valutare alla fine dell’anno, tirare una linea e fare un resoconto. Come dico sempre, il problema non è solo l’allenatore, ma sono anche i calciatori. Comunque io da interista lo terrei, così la Juve non vince” (ride).

Sullo stesso argomento  Inter, concluse le visite di Calhanoglu: a ore la firma sul contratto
Ronaldo e Dybala, attaccanti Juventus @imagephotoagency

Juventus, la Champions non è ancora sfumata: sabato arriva l’Inter di Conte

Ciro Immobile attaccante della Lazio @Image Sport

Lazio, resta il sogno Champions ma serve un “miracolo”