Pallone ufficiale degli Europei 2021

Serie A, Covid-19 e infortuni: le Nazionali “mietono” vittime

Ci risiamo, le Nazionali anche questa volta lasciano il segno: scongiurato il focolaio Covid-19 in Serie A, ma sono diversi i giocatori infortunati

Focolaio Covid-19 scongiurato: solo Bonucci positivo

Le positività al Covid-19 di quattro membri dello staff della Nazionale Italiana di Roberto Mancini e del difensore della Juventus Leonardo Bonucci scuotono la Serie A in vista della fase conclusiva del campionato. Come ribadito anche dal medico del Bologna e responsabile sanitario dei club di massima serie, Gianni Nanni, c’è una situazione di allarme e il rischio che nei prossimi giorni i casi possano aumentare è alto.

Per far fronte a tale situazione le 20 squadre di Serie A si sono già attivate in maniera da evitare il peggio. C’è chi come la Juventus ha organizzato degli allenamenti individuali per i rientranti dalle Nazionali (Chiesa e Bernardeschi), altri club come la Roma e l’Atalanta hanno preferito attendere l’esito del tampone molecolare prima di far aggregare al gruppo i rientranti. Il Sassuolo, invece, ha deciso di escludere dai convocati Locatelli, Ferrari, Caputo e Berardi, gli ultimi due per problemi fisici salteranno l’incontro del Mapei Stadium contro la Roma.

Nessun problema per Fiorentina, Bologna, Milan e Inter. I nerazzurri, dopo i problemi delle scorse settimana, hanno fortunatamente scongiurato nuovi casi di contagio, il test molecolare a cui si sono sottoposti Barella, Bastoni e Sensi ha dato esito negativo. Negativi anche i vari Biraghi, Castrovilli, Soriano e Donarumma; in casa Napoli, invece, nonostante le negatività di Insigne, Meret e Di Lorenzo, a preoccupare Gattuso ci ha pensato Piotr Zielinski di ritorno dagli impegni con la Nazionale polacca. L’ex Empoli è risultato positivo e negativo ad un doppio tampone rapido, ma l’esito di quello molecolare ha fortunatamente fatto chiarezza ed evitato problemi al calciatore partenopeo.

Club e Nazionali: serve un accordo

L’abbiamo scampata per un pelo, almeno per il momento, ma la sensazione è che prima o poi bisognerà firmare un accordo tra i club professionistici e i ritiri delle Nazionali. La pandemia da Covid-19 ha completamente stravolto il programma dei campionati oltre che delle competizioni europee e internazionali. Il lockdown dello scorso marzo ha causato un eccessivo prolungamento dei tornei nazionali e di conseguenza ha fatto slittare di un anno l’Europeo 2020, pardon 2021, oltre agli appuntamenti di qualificazione ai Mondiali di Qatar 2022.

Leonardo Spinazzola terzino della Roma e della Nazionale Italiana @Image Sport
Leonardo Spinazzola terzino della Roma e della Nazionale Italiana @Image Sport

Nell’ultimo mese diversi calciatori, Spinazzola della Roma ad esempio, è sceso in campo nove volte tra Europa League, Serie A e Qualificazioni Mondiali con una media di quasi tre partite a settimana. Ora al di là del dispendio fisico di energie, ci sono da considerare i rischi che i vari spostamenti da una città ad un’altra, da un Paese ad un altro (Donetsk, Sofia, Vilnius) comportano. All’Italia tutto sommato è andata bene, il focolaio Covid-19 è stato scongiurato, ma il rischio che una situazione del genere possa ripetersi all’Europeo con eventuale sospensione della competizione non va sottovalutata.

Quanti infortuni! Roma e Sassuolo decimati

Se da una parte il virus ha penalizzato in minima parte la Juventus con le positività di Leonardo Bonucci e Demiral, lo stesso non si può dire per gli infortuni causati dalle numerose gare ravvicinate. Del resto è sempre stato questo il principale problema per cui la stragrande maggioranza degli allenatori non ha mai digerito le convocazioni con le rispettive selezioni. Roma e Sassuolo, che si sfideranno nel turno pre-pasquale, sono state le vittime illustri delle sfide di qualificazioni: i giallorossi dovranno fare a meno di Kumbulla, che ha rischiato di chiudere in anticipo la stagione per una lesione meniscale, e di Cristante, che ha lasciato anzitempo il ritiro per un problema al pube. Dopo Zaniolo la storia si ripete.

Marash Kumbulla, difensore della Roma e dell'Albania
Marash Kumbulla, difensore della Roma e dell’Albania

I neroverdi, invece, oltre alla positività al Covid-19 di Ayhan, dovranno rinunciare anche a Caputo e Berardi. Il Napoli, dopo il giallo Osimhen, paga dazio nuovamente: Koulibaly e Mertens, impegnati rispettivamente con Senegal e Belgio, hanno riportato rispettivamente la frattura di un dito e un colpo alla spalla. Colpito dalla mala sorte anche il Milan di Pioli che, in vista della sfida contro la Sampdoria, non potrà contare su Brahim Diaz che ha rimediato una distorsione alla caviglia con l’Under 21 spagnola.

Gareth Southgate, allenatore della Nazionale inglese

Euro 2021, l’Inghilterra alla ricerca della propria corona

Simone Inzaghi, tecnico della Lazio

Lazio, Inzaghi: “Out Luis Alberto”. E sul rinnovo..