in

Serie A, Dal Pino scrive a Giuseppe Conte: “Ascoltateci”

Dal Pino, presidente della Lega Serie A
Dal Pino, presidente della Lega Serie A

I DPCM e l’indecisione globale che ruota intorno allo sport di squadra ha inevitabilmente penalizzato una della più grandi industrie del Paese e lo sport più seguito in tutta Italia. Il calcio, esattamente come il basket e la pallavolo, sta soffrendo le restrizioni applicate in questi mesi dal Governo. Nessuno vuole giudicare la bontà dei provvedimenti e delle misure presa, non spetta a noi. Quello che il calcio, e forse più in generale, lo sport contesta è la poca inclusione delle federazioni e dei rappresentanti di questi movimenti che, oltre ad essere sport e quindi veicolo di buona salute, sono anche business, denaro e lavoro per  moltissima gente.

In questo senso il presidente della Lega di Serie A Dal Pino ha scritto al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte chiedendogli inclusione ed ascolto. “Nessuno vuole giudicare quanto deciso, ma il calcio è sull’orlo del default” ha detto Dal Pino al Corriere della Sera. Questo potrebbe gettare delle ombre sulla mala, per non dire pessima gestione, che il mondo del calcio ha avuto in questo anni. Anche con il migliore degli statisti, il calcio che vive di massa e di aggregazione avrebbe patito e sofferto questo momento e uscirne insieme dovrebbe essere un obiettivo comune.

LEGGI ANCHE

LEGGI ANCHE  Atalanta, Miranchuk positivo al Covid-19: è in isolamento

Vorrei mettere un punto alla demagogia. Il calcio non è solo Cristiano Ronaldo, non è solo sponsor e business ma rappresenta un lavoro per moltissima gente”. Fatta questa premessa arriva la stoccata a chi dice ancora non ha capito che tipo di industria sia il mondo del “pallone”. “Il nostro movimento conta circa 300 mila dipendenti diretti e oltre 30 milioni di persone che lavorano con il mondo del calcio”. Fra giornali, ristoranti e rivenditori di attrezzature e abbigliamento sportivo il mondo del calcio rappresenta motivo di sostentamento per molti italiani. “Cerchiamo collaborazione- dice Dal Pino– Vi sembra normale che non siamo stati chiamati per discutere della riforma della Sport?”. Bisogna uscirne insieme e l’unico modo è trattare.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Vota Articolo

745 points
Upvote Downvote
Arkadiusz Milik, attaccante del Napoli

Napoli, Milik ci siamo: addio a gennaio

Simone Inzaghi, tecnico della Lazio

Torino-Lazio, per ora si gioca. Inzaghi, dov’è il comunicato?