in

Serie A, i rinnovi preoccupano le big: Napoli, Milan e Inter sotto scacco?

Napoli, Milan e Inter si sono spartite fino a questo momento il comando della Serie A, occupando le prime 3 posizioni, ma con in testa un pensiero fisso: Lorenzo Insigne, Franck Kessie e Marcelo Brozovic sceglieranno il cuore o l’ingaggio?

Lorenzo Insigne, attaccante del Napoli @Image Sport
Lorenzo Insigne, attaccante del Napoli @Image Sport

Un capitano è per sempre

Lorenzo Insigne, colui che da ormai 10 anni rappresenta il punto di riferimento del Napoli, potrebbe non rinnovare con la squadra del suo cuore. Solo a dirlo si fa fatica a crederci eppure al giorno d’oggi, in un calcio nel quale anche i sentimenti sembrano avere un prezzo, situazioni come quella del capitano partenopeo fanno parte della quotidianità. Negli scorsi giorni sembravano esserci stati dei miglioramenti, riguardo la questione rinnovo, con l’attaccante azzurro chiamato a valutare una nuova offerta da parte del club. Ma tra le richieste di capitan Insigne e l’idea del presidente Aurelio De Laurentis ci sarebbe una distanza talmente ampia, che neppure l’amore per la propria città sembra poterla colmare.


Scarica la nostra App



Leggi anche:


Il Napoli, e in particolare Luciano Spalletti, hanno più volte lasciato intendere che non faranno a meno del proprio capitano. Il rendimento di Insigne, all’interno del terreno di gioco, non ha mai risentito delle continue voci di mercato, nonostante queste si facessero sempre più insistenti. Dai top club europei alle suggestioni riguardanti l’MLS, Lorenzo Insigne non si è mai lasciato distrarre. Il suo obiettivo resta dare tutto per il Napoli, sino all’ultimo secondo con quella maglia. Con la speranza di riportare il tricolore al Maradona, prima di un addio ormai certo.

Franck Kessiè (Milan)
Franck Kessiè (Milan)

Maledizione rossonera

Sono passati 3 mesi dalle vicende di Donnarumma e Calhanoglu, e quello che per il Milan doveva essere solo un brutto ricordo, sembra ormai diventata una maledizione. La dirigenza rossonera ha fin qui dimostrato di non volersi sottomettere alle richieste esorbitanti dei propri giocatori, e la sensazione è quella che neanche per il Presidente, Franck Yannick Kessie, verrà fatto uno strappo alla regola. La stagione del centrocampista ivoriano era iniziata in maniera altalenante, gli impegni con la nazionale e le questioni extra campo ne avevano condizionato in parte la condizione fisica e mentale, provocando dei veri e propri disastri come nel caso dell’espulsione in Champions League contro l’Atletico Madrid.

A Bergamo Stefano Pioli ha ritrovato il leader della scorsa stagione, colui che si era preso la squadra sulle spalle, sino a trascinarla nell’Europa dei grandi. Come per Lorenzo Insigne, anche Franck Kessie è considerato imprescindibile dal proprio allenatore, il quale ha più volte fatto sapere di volerlo utilizzare fin quando potrà. Tutto questo non ha però cambiato i piani di Paolo Maldini e Ivan Gazidis, sempre più convinti di aver fatto tutto il possibile per trattenere il giocatore. L’idea di base del Diavolo resta sempre la stessa: l’importante è avere pronto un sostituto di livello.

Marcelo Brozovic, centrocampista dell'Inter @Image Sport
Marcelo Brozovic, centrocampista dell’Inter @Image Sport

Epic rinnovo?

La situazione in casa Inter sembra ben diversa rispetto alle prime due della classe, soprattutto per il cauto ottimismo che serpeggia all’interno della sede nerazzurra. Gli incontri col padre del giocatore si starebbero facendo via via più intensi, segno di una società che ha compreso a pieno l’importanza del centrocampista all’interno dello scacchiere tattico di Simone Inzaghi. Fino a questo momento Marcelo Brozovic non ha mai saltato una partita, che si trattasse di Champions League o Serie A non fa alcuna differenza, lui è sempre stato presente sin dall’inizio.

Sarà proprio questa nuova centralità ad aver attirato l’attenzione di diversi club europei, i quali sembrerebbero aver riconosciuto la crescita e la leadership del croato nei palcoscenici più importanti. Anche in questo caso si tratta di un giocatore in scadenza a giugno 2022 ma, come già detto in precedenza, l’Inter sembrerebbe non essersi ancora rassegnata. A differenza di Napoli e Milan, Giuseppe Marotta e soci sarebbero certi di poter trattenere Epic Brozo. Ecco perché, per il momento, anche il prolungamento di contratto di Nicolò Barella sarebbe passato in secondo piano.