in

Serie A, si riparte dai big match: Napoli-Juventus e Milan-Lazio infiammano la 3a giornata

Archiviata la pausa nazionali è tempo di tornare in campo, con sfide già decisive: Napoli, Juventus, Milan e Lazio sono pronte a darsi battaglia nella 3a giornata di Serie A

Napoli-Juventus, big match della terza giornata di Serie A
Napoli-Juventus, big match della terza giornata di Serie A

Napoli-Juventus: solo non si vedono…

Allo stadio Diego Armando Maradona va in scena Napoli-Juventus, una delle classiche del nostro campionato, la quale quest’anno sarà caratterizzata da diverse assenze pesanti, che hanno colpito entrambe le fazioni. I padroni di casa non potranno contare su Mertens e Meret i quali, ancora alle prese con i rispettivi infortuni, dovranno attendere qualche settimana prima di rivedere il campo. Recuperato in extremis per la porta Ospina, davanti a lui la difesa titolare con Koulibaly a guidare i compagni. A centrocampo è il momento degli esordi, con Anguissa pronto a sostituire gli infortunati Demme e Lobotka. Per quanto riguarda il reparto offensivo resta in dubbio Zielinski, Luciano Spalletti può però consolarsi con le presenze di Lorenzo Insigne e Victor Osimhen, il secondo di rientro dopo la squalifica ridotta.

Napoli (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Anguissa, Fabian Ruiz; Politano, Elmas, Insigne; Osimhen. Allenatore: Luciano Spalletti


Leggi anche:


Massimiliano Allegri e la sua Juventus dovranno fare i conti con l’esilio dei sudamericani, ai quali si è aggiunto l’infortunato Federico Chiesa. Una Juventus che perde gran parte dei suoi leader nel momento più difficile, dopo due partite deludenti, e una classifica che inizia già a far paura. In difesa le certezze dei bianconeri si chiamano Bonucci e Chiellini, il secondo dovrebbe prendere il posto di De Ligt, pronto a giocarsi una maglia da titolare sino all’ultimo. A centrocampo nuova chance per Bernardeschi, mentre arrivano conferme riguardo la coppia Locatelli-Rabiot. Davanti, senza Paulo Dybala, toccherà ad Alvaro Morata sorreggere il peso dell’attacco, ancora dubbi su chi possa essere il suo compagno di reparto. Allegri dovrà scegliere uno fra Kulusevski e Kean, con il primo leggermente in vantaggio.

Juventus (4-4-2): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Lu. Pellegrini; Bernardeschi, Rabiot, Locatelli, McKennie; Morata, Kulusevski. Allenatore: Massimiliano Allegri

Ibrahimovic (Milan) @Image Sport
Ibrahimovic (Milan) @Image Sport

Milan-Lazio: Superman Returns

Per una sfida fortemente caratterizzata dalle assenze, ce n’è un’altra che sta per riabbracciare i suoi protagonisti, soprattutto quelli in maglia rossonera. Il Milan di Stefano Pioli può sorridere, i suoi supereroi stanno per tornare. Uno su tutti Zlatan Ibrahimovic, il quale nelle ultime ore sembrerebbe in vantaggio su Ante Rebic per una maglia da titolare. Difficile che vengano corsi dei rischi con Olivier Giroud, il francese nella giornata di ieri è risultato negativo al Covid-19, ma il tempo scarseggia ed è probabile che Pioli voglia preservarlo in vista dell’esordio in Champions League contro il Liverpool. In difesa ci dovrebbe essere un turno di riposo per Simon Kjaer, pronto capitan Romagnoli. A centrocampo ritorna il Presidente Franck Kessie, ancora alle prese con la questione rinnovo. Altro dubbio da sciogliere quello legato al ruolo di esterno destro titolare, dove Florenzi sembrerebbe in vantaggio rispetto a Saelemaekers.

Milan (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Tomori, Romagnoli, Theo Hernandez; Kessie, Tonali; Florenzi, Brahim Diaz, Leao; Ibrahimovic. Allenatore: Stefano Pioli

[irp]

Maurizio Sarri e la sua Lazio arrivano a San Siro con la grande convinzione generata dalle sfide precedenti, nelle quali si è potuto ammirare tutto il loro talento offensivo. Pochi dubbi per il tecnico biancoceleste, solo due, riguardanti i due estremi della formazione. In difesa resta vivo il ballottaggio Marusic-Lazzari, con il primo in vantaggio a causa delle noie fisiche accusate dall’italiano negli ultimi giorni. A centrocampo non si toccano Milinkovic-Savic, Leiva e Luis Alberto, mentre davanti Ciro Immobile è pronto a stringere i denti per non lasciare soli i compagni. L’ultimo dubbio da sciogliere è quello legato all’esterno di sinistra, nella sfida tra le new entry Pedro sembra in vantaggio su Zaccagni, ma il ballottaggio rimane apertissimo.

Lazio (4-3-3): Reina; Marusic, Luiz Felipe, Acerbi, Hysaj; Milinkovic-Savic, Leiva, Luis Alberto; Felipe Anderson, Immobile, Pedro. Allenatore: Maurizio Sarri