in

Serie B, da Oddo a Brocchi, passando per Galliani e Braida: quanta Serie A in cadetteria!

Adriano Galliani (Monza)
Adriano Galliani, amministratore delegato del Monza ed ex Ad del Milan

Dalla Serie A alla Serie B. Questo spesso è il passaggio – simbolico ndr. – che spesso alcuni professionisti decidono di fare nel corso della propria carriera. Non tutti scelgono di trasferirsi in cadetteria per volontà propria, c’è chi decide di partire da questo campionato per lanciare la propria carriera da allenatore, c’è chi riabbraccia il campionato per tornare dove meglio è stato, altri invece lo fanno per rapportarsi ad una nuova realtà e mettersi alla prova. Sono diversi i direttori sportivi, allenatori e calciatori che hanno fatto le fortune dei rispettivi club in massima serie e che ad oggi ricoprono un tassello importante nella seconda divisione del calcio italiano.

Partendo da coloro che siedono in panchina non possiamo non citare Alessandro Nesta. Impossibile dimenticarsi dell’ex difensore che fece le fortune di Lazio e Milan, compagini con le quali collezionò ben 417 presenze nel campionato di Serie A. Dopo la carriera da calciatore ha deciso di intraprendere quella di coach, partendo dalle esperienze statunitensi con Montreal Impact prima e Miami poi, salvo poi tornare nel Belpaese per guidare il Perugia. Nel 2019 ha deciso di tornare vicino Roma, metropoli in cui è nato e cresciuto, sposando il progetto del Frosinone.

Christian Brocchi, allenatore del Monza
Christian Brocchi, allenatore del Monza

Pasquale Marino e Christian Brocchi: da Udinese e Milan a Spal e Monza

La Spal dopo tre anni di Serie A è stata costretta a riprendere il cammino dalla cadetteria. La panchina è stata affidata ad un tecnico che di esperienza ne ha da vendere, ovvero Pasquale Marino. Per i più nostalgici, egli è legato al Friuli, grazie alle oltre 100 panchine con l’Udinese, squadra che guido dal 2007 al 2010, in un processo che portò il primo club bianconero d’Italia a disputare i quarti di finale dell’ex Coppa Uefa.

Impossibile poi dimenticarsi di Cristian Brocchi, ex calciatore che per anni ha militato in Serie A vestendo le prestigiose maglie di Inter, Milan, Lazio e Fiorentina. Ad oggi grazie al presidente Silvio Berlusconi che qualche anno fa gli permise nel 2016 di traghettare il Milan in Serie A per 7 turni fino a fine stagione, siede sulla panchina del Monza, squadra che è approdata in Serie B quest’anno con lui in panchina. Prosegue la lista con Diego Lopez, allenatore che se non fosse per l’esonero di Gigi Del Neri ad inizio stagione, siede sulla panchina del Brescia dalla scorsa annata quando le rondinelle militavano in Serie A. Serie A che il tecnico uruguaiano ha masticato per anni con il Cagliari dal 1998 al 2010, guidando poi la compagine sarda in due occasioni nel 2014 e nel 2018, sedendo anche per una stagione sulla panchina del Bologna.

Massimo Oddo, allenatore del Pescara
Massimo Oddo, allenatore del Pescara

Attilio Tesser e Di Carlo: il Pescara si affida a Oddo

Come poter non citare Attilio Tesser. In pochi si ricorderanno di lui, ma fu l’assoluto protagonista della tripla promozione del Novara dalla Serie C alla Serie A tra il 2009 e il 2012, oggi tecnico del Pordenone. Viene poi Domenico Di Carlo, ex allenatore di Sampdoria, Parma e Chievo. Nel 2019 dopo un ritorno sfortunato con i clivensi optò per una scelta di cuore. Egli infatti tornò al Vicenza, squadra che in quella annata ritornò tra i professionisti (Serie C) dopo il fallimento e conseguente ripartenza dai dilettanti (Serie D). Il tecnico, oltre ad aver condotto in cadetteria i veneti, negli anni ’80 fu protagonista della promozione dei biancorosso scudati dalla Serie C2 alla Serie A.

Questa lunga, ed all’apparenza interminabile lista, si conclude con Massimo Oddo. Protagonista da calciatore per diversi anni in Serie A in cui vestì le casacche di Milan (in diverse stagioni), Lazio e Lecce in Italia, oltre a quella del Bayern Monaco nel 2008. Ad oggi, come nelle prime annate da tecnico, siede sulla panchina del suo amato Pescara, che continua a guidare nonostante le immense difficoltà degli adriatici. Breve parentesi anche in massima serie alla guida dell’Udinese (11 sconfitte consecutive) ed al Crotone nel 2018.

Ariedo Braida, nuovo direttore generale della Cremonese
Ariedo Braida, nuovo direttore generale della Cremonese

Cremonese, colpaccio Braida. Corvino e il ritorno a Lecce

Dagli allenatori ai dirigenti. Sorprende veder Giorgio Perinetti indossare la cravatta biancazzurra del Brescia, dopo aver fatto per anni le fortune del Genoa. Ma, il vero colpaccio, è quello compiuto dalla Cremonese. Ebbene sì, perchè Ariedo Braida, dopo l’esperienza decennale da dirigente in Catalogna al Barcellona ed in passato anche al Milan, ha deciso di sposare il progetto lombardo. Egli infatti dal 1 dicembre ricoprirà il ruolo di direttore generale.

C’è chi invece la sua terra non l’ha mai dimenticata. Parliamo di Pantaleo Corvino, ex direttore sportivo della Fiorentina che, dopo aver lasciato il Lecce nel lontano 2005, ha deciso di tornare in Salento. Nato a Vernole, fa il suo esordio nel mondo calcistico prima con Vernole (Terza Categoria) e poi con Scorrano (Promozione), fino ad arrivare di seguito al Casarano tra la fine degli anni ’80, squadra ad oggi in Serie D, ma che in quegli anni rappresentava uno dei massimi panorami in C1 e C2, tanto che il direttore scoprì proprio tra le fila delle serpi un certo Fabrizio Miccoli, venduto qualche anno più tardi a suon di milioni (di lire) al Lecce.

Pantaleo Corvino, responsabile dell'area tecnica del Lecce
Pantaleo Corvino, responsabile dell’area tecnica del Lecce

La favola Monza: Galliani e Berlusconi puntano la Serie A

Si chiude in bellezza con Adriano Galiani. Per decenni protagonista di uno dei migliori Milan mai visti al fianco di Silvio Berlusconi, che non ha potuto fare a meno di accompagnarlo anche a Monza. L’ex premier e l’Ad puntano alla Serie A e la recente campagna acquisti estiva ne è la dimostrazione visto che in Brianza sono arrivati atleti del calibro di Kevin-Prince Boateng, Paletta, Donati, Lamanna e non solo.

Vota Articolo

526 points
Upvote Downvote
Alessio Romagnoli, difensore e Capitano del Milan

Calciomercato Milan, da Donnarumma a Romagnoli: la situazione rinnovi

Sami Khedira, centrocampista della Juventus (foto by @imagephotoagency)

Juventus, emergenza a centrocampo: Pirlo si affida a Khedira?