in

Barcellona, Dembelé non vuole andare via: discorso rimandato a giugno

In Spagna è ancora lotta Dembelé-Barcellona, niente cessione a gennaio, ma i blaugrana non vogliono cederlo a parametro zero a fine stagione

Ousmane Dembélé, attaccante del Barcellona
Ousmane Dembélé, attaccante del Barcellona

È necessario fare chiarezza sulla questione Dembelé-Barcellona per scoprire entrambi i punti di vista. Da un lato c’è il centrocampista, in Spagna dal 2017, che ha rifiutato la cessione a gennaio. L’ex Borussia Dortmund ha il contratto in scadenza a giugno e, se non rinnoverà, andrà via a parametro zero. D’altro canto il team catalano è ancora intenzionato a convincere il ventiquattrenne a rinnovare il contratto nonostante le difficoltà legate alla sua gestione. Se ciò non accadesse il Barca vorrebbe cedere il francese nella sessione di mercato di gennaio per evitare di mandarlo via a parametro zero a fine stagione. Due posizioni opposte quelle assunte dal club e dal giocatore che non riescono a trovare un punto d’incontro.

Secondo Cadena Ser, radio spagnola, Dembelé sta puntando i piedi per restare almeno fino a giugno. Il suo agente ha dichiarato: “Se non verranno chiarite e accontentate le richieste del rinnovo, Ousmane resterà in Spagna. Sceglierà a giugno la propria destinazione“. 30 milioni di ingaggio a stagione, 15 milioni di commissione e 30 milioni di premio alla firma, queste le cifre richieste. La prima scelta del blaugrana ricade sulla Premier League: Chelsea, Manchester United, Liverpool, Tottenham e Newcastle sono sulle sue tracce.