FIFA, 21 ottobre 1999: quando il Brasile rischiò la squalifica

FIFA, Sandro Hiroshi e quel Campionato Sud-americano U17 che stava costando caro al Brasile

Il Brasile rischiò una maxi squalifica e l’estromissione dal Mondiale del 2002

Sandro Hiroshi, un nome che a molti appassionati non dice nulla probabilmente. Eppure, per “colpa” di questo giocatore, il Brasile rischiò una pesante squalifica che comprendeva la non partecipazione all’Olimpiade di Sidney 2000 e il Mondiale del 2002 disputato in Corea e Giappone.

Il motivo? Nella selezione brasiliana che partecipò al Campionato Sud-americano U17 del 1997, figurava tra i convocati tale Sandro Hiroshi, ex giocatore del San Paolo che all’epoca della manifestazione aveva in realtà 18 anni e non poteva partecipare per raggiunti limiti di età, alla competizione continentale.

Tale raggiro fu scoperto solo nel 1999 ma la Federazione brasiliana non ebbe ripercussioni in quanto dichiarò che il giocatore aveva agito all’insaputa e senza l’autorizzazione della federcalcio verdeoro. Fu, invece, sanzionato l’atleta con 180 giorni di squalifica, come riporta la cronaca della competizione su Wikipedia. Sandro Hiroshi, lo sconosciuto che ha rischiato di lasciare Ronaldo “Il Fenomeno” fuori dal Mondiale 2002 (vinto dal Brasile ndr) di cui è stato capocannoniere con 8 reti.

TI PUO' INTERESSARE
SPONSOR

Loading...
Loading...
Loading...