in

Ternana, Lucarelli: “Guardiamo solo alla salvezza”

L’allenatore della Ternana, Cristiano Lucarelli, ha commentato l’ultimo pareggio contro il Frosinone allo Stirpe: “Un punto guadagnato per come hanno giocato”

Lucarelli - Ternana
Cristiano Lucarelli, tecnico della Ternana

Dopo il sofferto pareggio contro il Frosinone, il tecnico della Ternana Cristiano Lucarelli ha parlato in conferenza stampa del risultato ottenuto allo Stirpe che allontana momentaneamente gli umbri dalla zona Playout. Di seguito le sue dichiarazioni, riportate da Tuttofrosinone: “Un punto guadagnato perché secondo me per come ha giocato il Frosinone, a cui sono andato a fare i complimenti al presidente, allenatore e giocatori perché quello è lo spirito che ci vuole per andare ad affrontare le partite nel campionato di Serie B. E’ sicuramente un punto guadagnato ed è la conferma che possiamo guardare soltanto alla salvezza. Cambiato Paghera perchè ammonito. Purtroppo oggi è un calcio diverso da quando giocavo io che uscivi senza denti in bocca e senza gialli. Oggi è diventato calcetto. Ogni qualvolta ho la possibilità tolgo gli ammoniti perché so che di lì a poco rischio di restare in dieci come è successo al Frosinone. Stavo perdendo ed ho messo una punta anticipando il cambio”.

“Siamo stati egoisti, poco lucidi, non abbiamo avuto la fame necessaria per cercare di andare a vincere la partita cosa che ha avuto il Frosinone. Avevo paura che all’ultimo beccassimo anche il secondo. Vedevo troppe cose che non mi piacevano, distanze lunghe, reparti sfaldati. Abbiamo visto che nel giro di quattro giorni abbiamo avuto un’involuzione che non passa inosservata ad un pignolo come sono io. Una gara alla volta. Conferma, purtroppo che non è una vergogna essendo una neopromossa di arrivare alla salvezza il prima possibile. Nessuno si deve offendere se oggi dico che dopo la superiorità numerica mi aspettavo di più. L’unico giocatore che mi è piaciuto è stato Pettinari. Gli altri non mi hanno soddisfatto”. Nel prossimo turno di campionato la Ternana ospiterà il Benevento, quarto in classifica con sei lunghezze di vantaggio proprio sugli umbri.