Terremoto Barcellona, ecco le dimissioni: Messi no, Bartomeu (forse) sì

Dopo la risoluzione unilaterale del contratto di Leo Messi dal Barcellona, comunicata prima telefonicamente e poi confermata con un fax, la dirigenza del Barça ha convocato una riunione straordinaria e immediata. Le prime indiscrezioni indicano che il presidente Josep Bartomeu avrebbe in un primo momento chiamato Leo Messi chiedendogli di rimanere fino alla naturale scadenza del contratto – cioè la stagione 2020-21. Secondo il portale Sport il contatto non avrebbe avuto successo, neanche nel secondo tentativo telefonico con il padre e procuratore Jorge Messi.

Il Barcellona teme che dietro le dimissioni ci siano quei pochi club che avrebbero la liquidità necessaria per comprare un calciatore come Messi: più precisamente, Bartomeu punterebbe il dito contro il Manchester United o il Paris Saint Germain. Dopo il rifiuto dell’approccio morbido al telefono, la dirigenza del Barcellona avvrebbe quindi comunicato a Leo Messi che la sua richiesta di lasciare la squadra non può essere considerata valida perchè al di fuori dai termini del contratto: il club spagnolo attenderebbe quindi ai prossimi allenamenti anche lo storico numero 10.

Secondo la radio spagnola RAC1, il Barcellona avrebbe anche deciso in maniera irremovibile di non cedere Messi per meno di 222 milioni di euro, ovvero la cifra per cui il Paris Saint Germain acquistò Neymar Jr. nel 2017.

Josep Bartomeu, presidente del Barcellona
Josep Bartomeu, attuale presidente del Barcellona

Cade il numero uno del Barcellona?

Il portale argentino Tyc Sport avrebbe fatto filtrare una notizia clamorosa: mentre il Barcellona sembrerebbe aver adottato la linea dura con Messi, Bartomeu avrebbe deciso  di rassegnare le sue dimissioni. L’idea è maturata in seno alla riunione straordinaria del club, dove la dirigenza si sarebbe sentita messa sotto pressione anche dai tifosi blaugrana assiepatesi davanti allo Stadio Camp Nou e sotto casa di Leo Messi per protestare.

Nel frattempo giungono i primi commenti dei papabili alla successione del presidente Bartomeu. Victor Font ha fatto eco alle parole dell’ex presidente del Barcellona Laporta, dichiarando a El Transistor, programma della radio spagnola Onda Cero: “Se c’è anche solo una piccola possibilità di vedere Messi ancora con la maglia del Barcellona, questa passa dalle dimissioni di Bartomeu. L’entourage di Messi mi ha detto che la decisione di lasciare il Barcellona è irremovibile. E non risale a due giorni fa, ma da prima della disfatta in Champions contro il Bayern Monaco“.

Di diversa opinione un altro candidabile alla presidenza del Barcellona, Toni Friexa. All’emittente spagnola Radio Marca avrebbe dichiarato: “Sono sorpreso e deluso come tifoso del Barça, sono deluso per quello che Messi ha fatto. Non sono particolarmente preoccupato per la sua partenza, tutto ha una fine. Sono deluso per il modo imprudente con cui ha esternato la sua volontà, ha mancato di rispetto al club“.