in

Tottenham, Conte è l’uomo giusto per ripartire?

Si intensificano i rumors che vorrebbero Antonio Conte prossimo allenatore del Tottenham. Le trattative procedono a ritmi serrati, ma le parti sollevano perplessità su un matrimonio che potrebbe già naufragare all’altare

Antonio Conte, ex allenatore dell'Inter @Image Sport
Antonio Conte, ex allenatore dell'Inter @Image Sport

Tottenham-Conte, i motivi del sì

Antonio Conte è uno dei tecnici più importanti del momento: ha appena vinto un campionato italiano con l’Inter ed ha tanta voglia di continuare a sollevare trofei; inoltre ha già preso delle squadre in crisi d’identità, come la Juventus nel 2010 che veniva da 2 settimi posti consecutivi oppure anche la stessa Inter che con Spalletti aveva raggiunto solo ed esclusivamente la qualificazione in Champions League e li ha riportati alla vittoria dopo tanto tempo, costruendo gruppi solidi, più forti di tutto e di tutti.

È stato davvero uno degli artefici – se non l’artefice principale – del ritorno dell’Inter sul tetto d’Italia dopo ben 10 anni; inoltre è un grandissimo gestore dello spogliatoio ed ha la personalità per lanciare dei talenti emergenti. Pretende molto da tutti, ad iniziare dalla dirigenza fino ai calciatori, però i risultati parlano per lui. Tra l’altro potrebbe avere anche un ruolo fondamentale nel processo di convincimento a restare su Kane, che vorrebbe cambiare aria dopo tanti anni passati a Londra.

Tottenham-Conte, i motivi del no

Il momento è negativo per tutti sul lato economico, ma Conte sicuramente vorrà un lauto compenso, a maggior ragione adesso che verrebbe a Londra da campione d’Italia, inoltre stando alle ultimissime indiscrezioni sarebbe pronto a chiedere una rivoluzione della squadra al presidente Levy, che seppur sia ricco potrebbe essere restio a spendere tantissimi soldi per rinnovare la squadra in un periodo incerto che ha visto tante perdite negli ultimi mesi e pochissimi guadagni. D’altronde Conte ha dimostrato che senza garanzie non sposa progetti e questo potrebbe essere un campanello d’allarme anche per il Tottenham, che seppur abbiano delle grandi ambizioni devono stare molto attenti al bilancio in un calcio malato.

Dovrà, quindi anche fare un passo indietro Conte ed adattarsi ai tempi, non è per nulla facile per riprendere una sua battuta Mangiare in un ristorante da 100 euro in questo momento delicato. Il matrimonio tra Conte e gli Spurs non è ancora nemmeno iniziato e già iniziano ad esserci i primi dubbi, ma una cosa è certa: la scelta del condottiero salentino potrebbe essere determinante per una società che ultimamente vive un momento di appannamento.

Sullo stesso argomento  Manchester City, offerta monstre per Kane: c'è il no del Tottenham
Mikel Arteta, tecnico dell'Arsenal

Arsenal, inizia la rivoluzione: ufficiali 5 cessioni

Jordan Lukaku, difensore della Lazio

Lazio, da Vavro a Lukaku: il punto sugli esuberi