Milan, Romagnoli sotto osservazione: rinnovo o cessione per il capitano?

Milan, le ultime prestazioni non particolarmente brillanti avrebbero portato Maldini e Massara a riflettere su capitan Alessio Romagnoli: futuro in bilico per l’ex Roma e Sampdoria, diviso tra possibile rinnovo del contratto in scadenza il prossimo anno e cessione in estate. Ai tifosi non sarebbero piaciute inoltre le ultime dichiarazioni, soprattutto dopo la sconfitta con lo Spezia

Il Milan è alle prese con importanti decisioni, anche sul fronte mercato, soprattutto dal punto di vista dei rinnovi. Ancora incerto il futuro di Calhanoglu, Donnarumma e Ibrahimovic, in scadenza il prossimo giugno, i dirigenti Paolo Maldini e Frederic Massara starebbero riflettendo anche sui giocatori della rosa in scadenza il prossimo anno con il club rossonero. Tra questi ci sarebbe anche il difensore, e capitano della formazione allenata da Stefano Pioli, Alessio Romagnoli. Il numero 13 rossonero, infatti, è arrivato a Milanello nell’estate 2015 per 25 milioni di euro, dopo il prestito brillante alla Sampdoria ed il rientro, solo per qualche giorno, alla Roma. In giallorosso aveva collezionato 14 presenze ed 1 gol, mentre con i blucerchiati erano state 31 le partite disputate mettendo a segno 2 reti. Il ventiseienne si impone subito tra i titolari della formazione rossonera, nonostante i soli 20 anni, grazie anche alla presenza di Sinisa Mihajlovic, che lo aveva avuto proprio a Genova l’anno prima.

Alessio Romagnoli, capitano del Milan
Alessio Romagnoli, capitano del Milan

Romagnoli, alla prima stagione, colleziona 40 presenze ed una rete in rossonero. L’anno dopo, invece, sono 29 le gare giocate con 1 gol segnato e, nel 2017/2018, al fianco di Bonucci, disputa 42 gare con 3 reti. Due anni fa, con gli addii del difensore della Juventus e di Riccardo Montolivo, viene nominato capitano dal tecnico Rino Gattuso. Romagnoli, nel 2018/2019, disputa 41 presenze con due reti in rossonero, mentre la scorsa stagione è sceso in campo in 39 occasioni siglando una rete. Gol stagionale, al momento, segnato anche in questa stagione, su 24 presenze, che a 26 anni fanno già 215 gare disputate con la maglia del Milan e 9 reti messe a segno. Contratto, come già detto, fino al 30 giugno 2022, Romagnoli al Milan percepisce attualmente un ingaggio di 3,5 milioni a stagione. Il suo procuratore, Mino Raiola, avrebbe già portato sul tavolo della dirigenza rossonera diverse offerte, provenienti dalla Serie A e dall’estero, preparandosi a chiedere un super ingaggio da top player a Paolo Maldini e Frederic Massara in Via Aldo Rossi.

Milan, Raiola pronto a chiedere un ingaggio da top player per Romagnoli: il Milan riflette e valuta le offerte

Mino Raiola, agente di giocatori
Mino Raiola, agente di giocatori

Romagnoli ha sempre dimostato grande attaccamento, e anche gratitudine, ai colori rossoneri. Negli anni passati, inoltre, il Nazionale di Roberto Mancini è sempre stato abbastanza affidabile e continuo nel rendimento, cresciuto in maniera esponenziale come tutto il resto della rosa con gli arrivi di Zlatan Ibrahimovic e Simon Kjaer dopo il lockdown dovuto alla pandemia da Covid-19. Questa stagione, invece, il capitano del Milan è stato, forse troppo spesso, protagonista di partite non particolarmente esaltanti. Un esempio la gara di Udine in campionato, così come quella contro la Juventus e, per ultima, la partita di Europa League di ieri sera contro la Stella Rossa. Sia contro i friulani sia contro i serbi, infatti, da un errore piuttosto ingenuo del capitano milanisti, sono nati due calci di rigore contro la formazione di Stefano Pioli: nel caso dei bianconeri, poi, la magia di Zlatan Ibrahimovic riuscì a risolvere positivamente la gara, mentre ieri sera i rossoneri sono usciti da Belgrado con un 2-2 finale. Anche nell’ultimo match di campionato, poi, quello perso malamente dalla formazione di Pioli contro lo Spezia, Romagnoli è andato spesso in difficoltà nel difendere gli attacchi liguri e, le sue dichiarazioni post gara: “Forse abbiamo sottovalutato troppo la sfida” non sono piaciute soprattutto ai tifosi rossoneri.

Il difensore, inoltre, sembrerebbe non riuscire a compiere, ormai in un’età di piena maturazione della carriera, il definitivo salto di qualità, alternando troppo spesso le proprie prestazioni e dimostrando ancora un pizzico di inesperienza in alcune circostanze. L’ex Roma e Sampdoria, in questa stagione, ha disputato infatti 1530 minuti in Serie A, con una media voto però intorno alla sufficienza. Il tecnico rossonero Stefano Pioli comunque fa pieno affidamento sul proprio capitano, che deve diventare anche un leader carismatico all’interno dello spogliatoio della squadra. A condizionare il rendimento, comunque, del difensore del Milan, potrebbe essere stato anche un infortunio al polpaccio. Romagnoli, infatti, ha saltato le prime gare di questa stagione a causa di un infortunio rimediato al termine dello scorso campionato, e gli impegni molto ravvicinati di questa stagione, potrebbero aver inciso sulla sua condizione e sul suo recupero.

Milan, Juventus e Barcellona seguono la situazione attorno al rinnovo di Alessio Romagnoli in rossonero

Alessio Romagnoli, capitano del Milan
Alessio Romagnoli, capitano del Milan

Mentre la società riflette sul futuro di Romagnoli, tra possibilità di un rinnovo e di accontentare le richieste di Mino Raiola, con il giocatore che più volte comunque avrebbe manifestato la sua voglia di continuare in rossonero, alcuni club seguirebbero con attenzione l’evoluzione della situazione attorno al capitano milanista. Su tutte, potrebbe essere il caso della Juventus in Italia e del Barcellona in Spagna. I bianconeri, infatti, sono in stretto contatto con l procuratore italolandese, anche per la vicenda relativa al possibile approdo a Torino del portiere rossonero, Gigio Donnarumma, in scadenza invece al termine di questa stagione con il Milan. Il club spagnolo, invece, ha da sempre in queste ultime stagioni difficoltà nel reparto arretrato, e sarebbe pronto a mettere sul piatto un’offerta interessante per mettere riparo ad un settore, quello difensivo, da sempre non a livello del club blaugrana che, in questa stagione, ha patito non poco anche gli infortuni, con Piquè tornato da un lungo infortunio soltanto nel match di Champions League contro il Psg martedì scorso.

Il Milan, aspetterà comunque il termine di questa stagione per sedersi al tavolo con il giocatore e valutare tutte le situazioni del caso prima di prendere una decisione definitiva sul futuro del proprio capitano. Quel che sembrerebbe certo, però, è che Alessio Romagnoli, che vanta anche 12 presenze e 2 reti in Nazionale maggiore dopo aver disputato 15 presenze con una rete con la maglia dell’Under 21, non dovrebbe partire per una cifra inferiore ai 40-50 milioni di euro. Nel frattempo, l’auspicio dei tifosi, è quello di rivedere il rendimento del giocatore al livello dello scorso fine campionato, in una coppia quasi perfetta con Simon Kjaer, magari a partire dal prossimo Derby, in programma contro l’Inter di Antonio Conte in una sfida Scudetto che torna dopo tanti anni con i nerazzurri, domenica prossima alle ore 15 a San Siro, in cui il capitano rossonero dovrà quasi certamente vedersela con il gigante belga dell’Inter, vale a dire Romelu Lukaku che, in quattro confronti con i rossoneri da quando è in Italia, è sempre andato a segno.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search