TuttoInter24, Robbiati: “Il derby contro il Milan?…”

Il dodicesimo uomo, lo spaccapartite, l’asso nella manica da gettare nella mischia nel momento più opportuno. Un macigno enorme sulle spalle rappresentato dalla responsabilità di entrare a freddo e cambiare il corso degli eventi con un gol o una giocata. Non basta la sufficienza quando c’è un risultato da ribaltare: ti alzi dalla panchina e sai benissimo di non poter essere mai banale, di non avere la possibilità di sbagliare e di dover sfruttare ogni singolo minuto a disposizione per metterti in evidenza e far ricredere il tuo allenatore.

Un profilo alla Julio Ricardo Cruz o alla Alvaro Recoba, giocatori che hanno costruito la propria carriera sulla capacità di essere decisivi a prescindere dai minuti giocati. Un po’ come Anselmo Robbiati, o Spadino che dir si voglia. Tecnica sopraffina, mancino fatato e preziosa risorsa per MonzaFiorentinaNapoliPerugiaAncona, Grosseto, Como e  Figline. Un po’ meno per l’Inter, avventura di passaggio per il talento di Lecco che, in nerazzurro, è approdato nel 2000, stagione condizionata dal passaggio di consegne tra Marcello Lippi e Marco Tardelli. Intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni, proprio Robbiati si è reso protaognista di un piacevole tuffo nel passato e di un’analisi del presente e del futuro dell’Inter a poche ore dall’attesissimo derby di Milano

CONTINUA A LEGGERE SU TUTTOINTER24