in

Udinese, Gotti: “Giochiamo bene ma non vinciamo. Covid? Difficile fare valutazioni”

Luca Gotti, allenatore dell'Udinese
Luca Gotti, allenatore dell'Udinese

Risponde il tecnico dell’Udinese Gotti, ai microfoni di Dazn dopo la sconfitta rimediata in casa contro la Roma di Paulo Fonseca: “E’ una settimana pessima dal punto di vista dei risultati. Tutto è andato male ed è successo. Io dico anche che intravedo una direzione giusta, complice infermeria piena e quello che vedo durante la settimana, insomma, mi fa ben sperare. Quando si perde bisogna star zitti. L’impressione? E’ una squadra in grado di dare soddisfazione dal punto di vi sta del gioco e della classifica”.

LA SQUADRA – “Io credo che il sistema di gioco e le linee di gioco siano legate soprattutto ai giocatori importanti. Credo che i nostri giocatori vadano messi al centro del gioco dell’Udinese. Adesso vedremo al termine del mercato chi siamo e piano piano cercheremo di capire il nostro campionato. Cercheremo di trovare la quadra”.

LA PARTITA – “Abbiamo perso parte commettendo errori altrimenti non perdevamo partite. Un episodio che ci fa perdere la gara contro la Roma. Se la vogliamo vedere in grande questa squadra ha voglia di giocare e cercherà di giocare. Ci sta che paghiamo dazio ma avremo le nostre soddisfazioni”.

IL MERCATO – “A me piacerebbe. Il caso di Mandragora ci vorrà parecchio tempo, abbiamo altri interpreti in campo. Vedremo come si chiuderà il mercato”.

COVID – “E’ difficile fare valutazioni generali. Ho sentito persone parlare a vanvera. Passiamo tante ore insieme e facciamo tamponi in continuazione cerando di rispettare tutte le norme decise. E’ una situazione che ti atterrisce perchè questa variabile non sai come gestirla. Ora c’è la tosta, che facciamo andiamo in ritiro? Non sappiamo come afferrarla questa situazione”

Vota Articolo

749 points
Upvote Downvote
Paulo Fonseca allenatore della Roma

Roma, Fonseca: “Smalling? Aspettiamo il mercato. Stop campionato? ecco cosa penso”

Pullman Napoli

Juventus-Napoli SI GIOCA, ma la Asl blocca la partenza: rischio 3-0 a tavolino