Rodrigo De Paul, centrocampista dell'Udinese
in

Udinese, l’Europa al cospetto di De Paul: futuro in una big?

De Paul si sta rendendo protagonista di una stagione decisamente positiva con l’Udinese. Ciò avrebbe destato le attenzioni di numerosi club in Italia ed all’estero. Quale sarà il futuro del capitano dei bianconeri? Deciderà di lasciare il Friuli nel corso dell’estate per approdare in una big?

Un meraviglioso numero 10

Rodrigo De Paul sta vivendo senza ombra di dubbio la stagione della definitiva consacrazione tra le fila dell’Udinese. Il centrocampista ha infatti realizzato attualmente in Serie A la bellezza di 9 gol e 9 assist in 33 partite, migliorando addirittura le proprie già soddisfacenti statistiche dell’annata passata, in cui aveva messo a segno 7 reti e 6 assist in 35 presenze. Per questo motivo, come ormai succede ogni estate, tutti noi ci prepariamo ad assistere alla classica telenovela legata al Nazionale argentino: resterà in Friuli o si trasferirà in una big?

Rodrigo De Paul, centrocampista dell'Udinese
Rodrigo De Paul, centrocampista dell’Udinese

Le qualità di De Paul hanno ovviamente attirato le attenzioni di numerosissimi club sia in Italia che all’estero. Il capitano dell’Udinese rappresenta infatti l’ideale del numero 10. Vederlo giocare è un vero piacere per gli occhi: tecnica allo stato puro elargita mediante eleganti stop, dribbling negli spazi stretti, rapidità, cambio di passo e visione di gioco. Oltre a ciò nel corso degli ultimi anni si è trasformato in un preziosissimo assist-man ed è migliorato enormemente nelle conclusioni dalla distanza. Queste ultime, in particolare, non sono mai banali: spesso esse sono infatti autentiche prodezze, quali tiro a giro all’incrocio dei pali oppure conclusioni potenti di una precisione a tratti chirurgica. L’argentino è inoltre un giocatore decisamente versatile, in grado di ricoprire con ottimi risultati praticamente tutti i ruoli del centrocampo: dalla mezzala al trequartista, dall’esterno destro alla seconda punta. Insomma il classe ’94 è un calciatore davvero completo che ha finalmente raggiunto la piena consapevolezza dei propri mezzi nonché la piena maturazione calcistica. Basti osservare la rete realizzata dal fantasista nel match di sabato scorso contro il Bologna. Una perla di valore assoluto: progressione palla al piede dribblando mezza difesa rossoblu per poi beffare il portiere prendendolo in controtempo con un pregevole tocco di punta.

Calciomercato Fiorentina, sogno De Paul: Pradè sfida la Juventus
Rodrigo De Paul, jolly dell’Udinese

Alle indiscutibili qualità tecniche De Paul abbina anche quelle umane. In campo si comporta infatti da vero capitano e percepisce tutto il peso di tale investitura e responsabilità. A tal proposito è un grande professionista, sempre pronto a motivare i suoi compagni di squadra e ad offrire loro una parola di conforto quando commettono un errore. Questo è indice di una personalità forte, capace di assumersi determinati oneri e di caricarsi letteralmente la squadra sulle spalle, trascinandola ogni anno ad una salvezza piuttosto tranquilla. Alla luce di ciò non stupisce il fatto che numerosissimi club europei sognino di acquistare il trequartista.

Le pretendenti in Italia

La scorsa estate hanno bussato alla porta dell’Udinese per De Paul Fiorentina, Milan ma soprattutto Leeds, che è stato davvero molto vicino ad ingaggiarlo. Quest’anno le corteggiatrici dell’ex Racing Avellaneda si sarebbero addirittura moltiplicate. Infatti in Italia il centrocampista avrebbe destato le attenzioni di Inter, Juventus, Napoli e dello stesso Milan. Conte avrebbe infatti richiesto l’acquisto dell’argentino come una sorta di “premio Scudetto“, tuttavia i gravi problemi economici e societari dei neroazzurri potrebbero impedire tale investimento. Il CFO dei bianconeri Paratici si sarebbe già informato circa il giocatore ma non avrebbe al momento presentato alcuna offerta. Il ds dei partenopei Giuntoli starebbe temporeggiando, confidando soprattutto negli ottimi rapporti che intercorrono tra la società azzurra ed i friulani. Il team manager rossonero Maldini invece starebbe seguendo molto attentamente l’evolversi della situazione, pronto ad inserirsi a sorpresa nella corsa per il centrocampista.

Klopp e Simeone pazzi di De Paul

Anche all’estero molti allenatori di livello internazionale avrebbero in più occasioni manifestato un vero e proprio debole per il numero 10 bianconero. A tal proposito Jurgen Klopp vorrebbe rinforzare il suo Liverpool proprio mediante l’innesto del fantasista di Sarandì. Tuttavia si può tranquillamente affermare che il maggior estimatore di quest’ultimo sia il tecnico dell’Atletico Madrid Diego Simeone – suo connazionale – il quale riterrebbe De Paul uno degli obiettivi prioritari del calciomercato estivo dei Colchoneros. Da parte sua il trequartista tornerebbe volentieri in Spagna, in seguito alla breve esperienza vissuta tra le fila del Valencia. In virtù di tale analisi potremmo perciò considerare i rojiblancos in lieve vantaggio nella corsa per arrivare al giocatore. Anche perché la dirigenza madrilena sarebbe quella che attualmente avrebbe intrattenuto più contatti con la società friulana.

Simeone e Klopp

La carissima boutique dei Pozzo

È comunque risaputo che quella della famiglia Pozzo sia una “boutique” decisamente costosa e che ci ha abituato negli anni a sfornare un numero impressionante di talenti. Il presidente dell’Udinese avrebbe infatti affermato di non voler nemmeno ascoltare proposte inferiori ai 40 milioni di euro per il suo gioiello, il cui contratto scadrà a giugno 2024. Il patron vorrebbe ovviamente trattenere il suo capitano, tuttavia gli avrebbe promesso di cederlo nel caso in cui si fosse presentata un’offerta congrua. Questo perché il rapporto tra i due è talmente forte e basato sulla stima reciproca che Pozzo desidera solo il meglio per il suo pupillo e non vorrebbe mai ostacolarne la carriera. Inoltre la vendita dell’argentino porterebbe un’enorme plusvalenza nelle casse societarie, in quanto De Paul fu acquistato per soli 3 milioni di euro dal Racing Avellaneda nel 2016.

Bandiera dell’Udinese o approdo in una big?

Non è comunque da sottovalutare il fatto che De Paul non abbia mai manifestato apertamente il desiderio di lasciare Udine, poiché sarebbe molto felice in Friuli. Tuttavia è probabile che qualcosa possa scattare nella testa del numero 10 nel corso dell’estate. L’ex Valencia infatti compirà 27 anni il 24 maggio. Alla luce di ciò questo sarebbe il momento ideale per compiere il salto di qualità ed approdare in una big. Anche perché non vi è la certezza che tale opportunità possa ripresentarsi nuovamente nel corso delle stagioni successive. Al contrario invece, se il fantasista dovesse alla fine scegliere di rimanere all’Udinese, la sua decisione non sarebbe da condannare, in quanto ciò rappresenterebbe semplicemente il frutto della sua volontà. In questo caso il centrocampista potrebbe davvero finire per sostituire Totò Di Natale nel ruolo di bandiera del club. Qualunque sarà il futuro di questo grande calciatore, tutti gli appassionati sperano che possa rimanere in Italia. Perché se un talento simile dovesse emigrare all’estero, ne risentirebbe tutto il movimento calcistico italiano.

Sullo stesso argomento  Milan, Hauge piace in Bundesliga: il Wolfsburg ci prova
Pavel Nedved (Juventus)

Nedved salva Ronaldo e Pirlo, la Juventus no: quanti rischi senza Champions

Action Aid

La Serie A al fianco di ActionAid per la campagna “Dai acqua al suo futuro”