in

Ultimatum Belotti: Torino a vita o addio ai granata

Andrea Belotti è a un bivio della propria carriera dopo la maxi proposta del Torino: resterà a vita granata o tenterà nuove esperienze?

Andrea Belotti, Torino @imagephotoagency
Andrea Belotti, Torino @imagephotoagency

La decisione del Gallo

Il futuro del Torino passa per un solo giocatore, quello più rappresentativo: Andrea Belotti. A un anno dalla scadenza del suo contratto, Urbano Cairo si sarebbe fatto avanti con “un’offerta di rinnovo molto importante per le nostre possibilità” – come ha dichiarato lo stesso presidente al Corriere della Sera. Sarebbe un vero e proprio aut aut per il Gallo, a questo punto: se dovesse declinare la proposta del Toro, si arriverebbe al divorzio.

[irp]

Poco importa se si dovesse concretizzare adesso o tra dodici mesi. Uno snodo cruciale per il futuro dell’attaccante e dello stesso club, la cui ambizione dipende in larga misura dalla permanenza del suo capitano. Belotti si trova nuovamente a un bivio della sua carriera, situazione che affrontò già nel 2017, quando la sua migliore stagione sotto il profilo realizzativo aveva sedotto molte grandi di A. Passano gli anni e alcuni scenari si ripetono. Ora – come allora – l’azzurro deve decidere se legarsi a vita ai granata e quindi entrare nell’Olimpo degli dei del Torino, oppure tentare nuove avventure, provare nuove emozioni lontano da quella che ormai è a tutti gli effetti casa sua.

Marko Pjaca, attaccante della Juventus
Marko Pjaca, attaccante della Juventus

Non basta Pjaca

Un quadriennale a 3,2 milioni a stagione: così la dirigenza torinista proverebbe a trattenere il suo leader. Un ingaggio mai raggiunto da nessun giocatore sotto la gestione Cairo. Oltre all’argomento economico, il presidente vorrebbe convincere Belotti con garanzie tecniche, con la promessa di costruire una squadra finalmente competitiva dopo anni di anonimato. Ha affidato la panchina a Juric, uno dei tecnici più brillanti dell’ultimo biennio, e si sta muovendo sul mercato in entrata dopo aver salutato Sirigu, Meite e Nkoulou.

[irp]

Il ds Vagnati ha in pugno il croato Pjaca, partner potenzialemente complementare al bomber, però non basta. Allo stato attuale, il Torino non potrebbe ambire all’Europa e Belotti, dopo averla assaggiata con la Nazionale, vorrebbe riassaporarla con la squadra di club. Ecco perché il suo futuro dipende anche dal progetto della società piemontese.

Andrea Belotti, Torino @imagephotoagency
Andrea Belotti, Torino @imagephotoagency

Roma e Atalanta alla finestra

Chi sarebbe interessato al 27enne? Nessuno, fino a questo momento, avrebbe formulato offerte concrete al Torino, ma club come Roma, Atalanta e Siviglia starebbero monitorando la situazione. I giallorossi si stanno muovendo in ottica post Dzeko. Già in passato – sempre in relazione alla posizione del bosniaco – ci sarebbe stato qualche contatto tra i capitolini e il procuratore dell’ex Palermo, terminato in un nulla di fatto. Adesso, considerata l’incertezza contrattuale del neo campione d’Europa, Tiago Pinto potrebbe lanciare l’amo. Più lontane, invece, Atalanta e Siviglia: i bergamaschi avvierebbero un dialogo col Toro solo se dovessero perdere uno tra Zapata e Muriel – improbabili le loro partenze; difficile la pista estera, considerata la volontà di Belotti di rimanere in Serie A.