in

Verona-Benevento 3-1 senza repliche: non basta Lapadula ai campani

Verona-Benevento
Verona-Benevento @Image Sport

Verona-Benevento chiude la 6° giornata di campionato, un monday night di Serie A che regala la sfida tra le uniche due squadre a non aver ancora giocato; una sfida ricca di gol e spettacolo, soprattutto per i padroni di casa, bravi ad approfittare delle occasioni costruite e a vincere la gara. Per gli uomini di Inzaghi un nuovo rammarico dopo le due sconfitte consecutive ottenute contro Roma e Napoli in cui la squadra aveva certamente meritato, magari, qualcosa di più.

La gara

Una gara che regala spettacolo, lo dicevamo, e che parte subito in quarta: la rete di Barak al ’17 apre le marcature per i padroni di casa che, nonostante il netto equilibrio in campo, si rivelano più concreti sotto porta. Equilibrio dimostrato anche nei cartellini, saranno ben 4 i gialli solo nella prima frazione di gara; un primo tempo che mantiene il Verona in vantaggio e che manda i giocatori negli spogliatoi al netto di un 1-0 con qualche rammarico per gli ospiti.

La ripresa parte forte e, dopo il pareggio siglato da Lapadula al ’56, ci pensano Barak, ancora in gol al ’63, e subito dopo Lazovic, al ’77, a chiudere la sfida sul risultato di 3-1. Una gara che concede equilibrio in campo, con i dati del possesso a favore degli ospiti guidati da Filippo Inzaghi che, come già visto, dominano a centrocampo perdendosi troppe volte in fase conclusiva, nonostante la qualità degli interpreti offensivi in campo per i campani.

Il Verona, al contrario, vince e convince ancora, dopo quanto ottenuto contro i Campioni d’Italia la scorsa settimana, oggi ottiene 3 punti d’oro per fissare fin da subito i margini di una salvezza sempre più probabile, magari provando ad ottenere anche qualcosa di più. Una Serie A, questa, che continua a regalare curiosità e colpi di scena: “Sarà tutta colpa del Covid?”.

Vota Articolo

745 points
Upvote Downvote
Vagonata di incapaci Vecchioni contro Conte

Inter: “La vagonata degli incapaci…” Conte non è in grado?

Erling Braut Haaland, attaccante del Borussia Dortmund

Juventus, Haaland nel futuro: l’annuncio di addio arriva dalla Germania