Fiorentina, il mercato per dimenticare la Conference: da Palladino alle mosse di Pradé

Dopo la sconfitta in finale di Conference League, la Fiorentina dovrà ripartire dal mercato estivo: in panchina Palladino sembra essere l'indiziato numero uno in caso di addio di Italiano, mentre Pradé valuta possibili nuovi innesti

A cura di Francesco Mazza Fiorentina

Contro l’Olympiacos è arrivata la seconda delusione consecutiva per la Fiorentina, sconfitta 1-0 dopo i tempi supplementari in finale di Conference League. Dopo aver perso all’ultimo atto con il West Ham nella passata stagione, i viola tornano ancora una volta a casa a mani vuote e devono già pensare al futuro e a quello che sarà il calciomercato estivo.

Fare chiarezza in panchina sarà il primo obiettivo della società, con Vincenzo Italiano che sembra destinato all’addio dopo tre stagioni. Se questo dovesse concretizzarsi, in pole per sostituirlo ci sarebbe Raffaele Palladino, pronto a fare il salto dopo l’esperienza con il Monza. Il nuovo tecnico darà però solo il via alle operazioni di mercato, con diversi giocatori in bilico e altrettanti papabili profili in entrata.

In estate la Fiorentina potrebbe operare una mini rivoluzione dato che, come riportato da Tuttosport, i vari Belotti, Arthur, Faraoni e Maxime Lopez sono in uscita, e anche Martinez Quarta e Nico Gonzalez non sono certi della permanenza in caso di offerte importanti. Per quanto riguarda i nuovi innesti, Pradé starebbe già valutando diverse piste, con Berardi e Pinamonti che potrebbero essere due idee, così come anche Valentin Carboni e due nomi interessanti come Boloca e Brescianini.

A cura di Francesco Mazza
Fin da piccolo lo sport è stata la mia passione e crescendo ho capito quanto possa essere fondamentale per sviluppare valori positivi nelle persone. Inoltre, credo che la comunicazione al giorno d'oggi sia fondamentale in qualsiasi ambito della nostra vita. Per questi motivi mi piacerebbe specializzarmi nel campo del giornalismo e della telecronaca sportiva
Lettura: Fiorentina, il mercato per dimenticare la Conference: da Palladino alle mosse di Pradé