Mercato Torino, chiesto Raimondo al Bologna: un fedele di Vanoli per la porta

Torino impegnato su più fronti in questa fase di mercato: per l'attacco i granata pensano a Raimondo del Bologna, mentre per il post Milinkovic-Savic Vanoli chiama a se un suo fedele a Venezia

Lorenzo Zucchiatti A cura di Lorenzo Zucchiatti BolognaTorinoVenezia

Briglie sciolte sul mercato per il Torino, che cerca i colpi necessari per puntare all’Europa, un sogno che deve diventare obbiettivo. L’arrivo di Vanoli ha dato il via alle operazioni, e c’è un attacco che potrebbe subire rivoluzioni: Sanabria e Pellegri sono in uscita, e dopo i problemi per l’affare Pio Esposito, con la l’Inter che preferirebbe inserirlo nella trattativa con la Sampdoria per Leoni, l’obbiettivo è cambiato.

Tuttosport segnala l’interesse granata per Antonio Raimondo, attaccante classe 2004 reduce da 9 gol in 40 partite in categoria cadetta con la Ternana retrocessa in Serie C. Il Bologna lo valuta 5 milioni, con la possibilità di abbassarli inserendo una clausola per la futura rivendita, e benché il ragazzo vorrebbe giocarsi le sue possibilità con Italiano, tale pista è calda. Per la posta invece occhi puntati su un fedele di Vanoli.

Milinkovic-Savic ai saluti: Vanoli porta Joronen a Torino

L’attacco non è infatti l’unico reparto attenzionato, ed oltre all’obbiettivo Welington sulla fascia, il portiere è una questione da risolvere. Gemello saluterà a zero, Popa andrà in prestito, e dopo anni di rendimento altalenanti e prestazioni poco convincenti, anche Vanja Milinkovic-Savic è ai saluti. Trovargli un acquirente non sarà facile, visto che anche all’Europeo ha perso il posto in favore di Rajkovic del Maiorca.

In attesa di novità, il Torino si porta avanti con il sostituto, ed in cima alla lista c’è Jesse Joronen. Arrivato in Italia nell’estate del 2019 dal Copenaghen, ha accumulato esperienza in Serie A con il Brescia, mentre dal 2022 è in forza al Venezia. Vanoli se lo porterebbe dietro volentieri in questa sua nuova avventura, e la destinazione sarebbe gradita al finlandese, ma tutto gira intorno alla cessione di Milikovic-Savic.