Un Conte a Napoli, dopo l’accordo il mercato: nodo Lukaku e non solo

Manca solo l'ufficialità, ma l'accordo tra Antonio Conte e De Laurentiis è totale: il primo passo del Napoli verso una nuova era è compiuto, ed ora tocca ad un mercato dove, oltre al nodo Lukaku, sono tante le questioni spinose da risolvere

Lorenzo Zucchiatti A cura di Lorenzo Zucchiatti

Calciomercato, Pronostici e Consigli: seguici anche su ...

Da conto alla rovescia a Conte alla rovescia, perché il tecnico leccese ora sì che è ad un passo, o ancora meno, dal diventare il nuovo allenatore del Napoli. Al di là di antipatie o gusti sul suo modo di giocare, nessuno ha dubbi sul fatto che un gruppo disastrato psicologicamente come quello azzurro sia l’habitat ideale per l’ex allenatore di Juventus ed Inter. Serve la mano pesante, un uomo di carattere, e nessuno come lui sa come si fa.

Come riportato dal Corriere dello Sport, l’accordo tra Conte e De Laurentiis è totale: tre anni di contratto senza alcuna clausola d’uscita anticipata o risoluzione a favore di una delle parti, come si era vociferato in queste ore, a 6 milioni a stagione, più bonus legati a qualificazione Champions e scudetto. Un ritorno in grande stile per Antonio dopo aver ricaricato le batterie.

Serviva come l’aria una notizia come questa dopo un finale di stagione che ha visto il Napoli terminare al 10° posto senza coppe, un particolare che a Conte probabilmente piacerà: Il primo anno alla Juventus (2011/12), priva dell’Europa, terminò con la vittoria dello scudetto da underdog totale, e lo stesso fece con il Chelsea (2016/17). Ora testa ad un mercato che sa di rivoluzione, con il nodo Lukaku e non solo da risolvere.

Da Kvaratskhelia a Di Lorenzo, Lukaku-Osimhen? No grazie

Si parte chiaramente da chi in rosa è già presente, con i vari Lobotka, Anguissa, Raspadori e Meret che vanno verso la riconferma. Un punto fermo totale dovrà essere Kvaratskhelia, tentato da un PSG che fa sul serio, ma ora con un stimolo in più per rimanere a Napoli. Il grande dilemma poi riguarderà capitan Di Lorenzo, con l’agente che ha di recente dichiarato come, causa la mancata fiducia dell’ambiente, il suo assistito abbia chiesto la cessione.

Juventus e Inter sono pronte a cogliere questa grande occasione, con Manna che sonda già eventuali sostituti, ma ora qualcosa potrebbe cambiare: Conte lo considera incedibile e non vuole neanche pensare ad un addio, specialmente per una delle rivali per le posizioni alte di classifica. I prossimi giorni saranno determinati, e un contatto diretto tra il nuovo mister e Di Lorenzo, magari prima dell’Europeo, è da mettere in conto.

Sul fronte nuovi arrivi, il mercato partirà dall’attacco, che subirà molte modifiche. Oltre all’addio di Simeone, l’ipotetico scambio Lukaku-Osimhen aveva infiammato televisioni e giornali in questi giorni, ma ecco l’aggiornamento di Fabrizio Romano: il Chelsea prenderà un nuovo attaccante, ma il bomber nigeriano non è al momento nei pensieri del club, né da solo né nell’affare con Big Rom, che verrà venduto separatamente.

Si cercheranno nuove strade dunque per il numero 9 del futuro, una volta trovata una sistemazione per Osimhen, che darà ai partenopei i soldi necessari per il mercato. Il primo passo verso una nuova era però è stato fatto, con Conte pronto ad erigersi a condottiero del Napoli, nella speranza che il rapporto con De Laurentiis, altra personalità decisamente forte, fili liscio come l’olio.