Koopmeiners infiamma il mercato: l’Atalanta spaventa la Juventus

Lorenzo Ferrai
2 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

La sconfitta nel Derby d’Italia ha riportato la Juventus sulla terra. I bianconeri rischiano di vedere scappare l’Inter, portatasi a +4 e con la partita contro l’Atalanta da recuperare. Alla Continassa non intendono fare troppi calcoli sul campionato, sebbene vi siano ancora diversi punti in palio, quanto piuttosto ragionare in ottica futura per la Juve che verrà. Cristiano Giuntoli non molla Teun Koopmeiners, faro del centrocampo della Dea, anche se gli orobici non hanno intenzione di fare sconti.

L’olandese è corteggiato dai bianconeri almeno dalla scorsa estate, quando i piemontesi dovettero desistere per via del prezzo, oltre le disponibilità economiche della Vecchia Signora. Ma la Juventus intende proseguire una trattativa che sarebbe già avviata in vista di giugno. Il tentativo di Giuntoli a gennaio si è concluso in un nulla di fatto, con l’Atalanta che ha posto il veto alla cessione di Koopmeiners a metà stagione.

Juve su Koopmeiners: Giuntoli va all in

L’annata disputata fin qui da Koopmeiners è stata pressoché ottima. Cinque gol e tre assist in 19 presenze in campionato, oltre a una duttilità fuori dal comune, che gli consente di interpretare tutti i ruoli della mediana, oltre alla posizione di seconda punta. Cristiano Giuntoli sa di non avere troppo tempo a disposizione, dal momento che l’olandese è fra i profili più in vista nel nostro campionato. Dal canto suo, l’Atalanta spera in un’asta, con una base che parte dai 45/50 milioni di euro.

Cristiano Giuntoli, dt della Juventus
Cristiano Giuntoli, dt della Juventus @livephotosport

La possibile concorrenza, inevitabilmente farebbe lievitare notevolmente il prezzo di Koopmeiners. Anche per questo, il direttore tecnico bianconero è alla spasmodica ricerca di un accordo con la dirigenza bergamasca per trovare un accordo che soddisfi entrambe le parti. Come suggerisce calciomercato.com, l’Atalanta potrebbe aprire al prestito con obbligo condizionato in attesa di trovare l’intesa sulla ripartizione economica e sugli obiettivi da raggiungere per trasformarlo in cessione definitiva. La Juventus non perde un solo secondo, poiché l’operazione appare alquanto complicata.

In questo articolo si parla di:

Seguici anche sui nostri Social

TI POTREBBE INTERESSARE

i più letti della settimana