Kylian Mbappé, dalla periferia al tetto del mondo: la storia di chi ha la leggenda nel destino

Nicola Liberti
8 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

Kylian Mbappé Lottin è un calciatore francese, attaccante del Paris Saint-Germain e della nazionale francese, con cui si è laureato campione del mondo nel 2018 ed ha sollevato al cielo di San Siro il trofeo della UEFA Nations League lo scorso ottobre, sigillando il risultato sull’1-2 grazie ad una propria rete nel finale. Nel corso della pur breve carriera l’attaccante è stato in grado di laurearsi campione di Francia per quattro anni consecutivi (dal 2017 al 2020, dominio poi interrotto dal Lille di Christophe Galtier), vincitore di due Coppe di Lega, tre Coppe di Francia e Supercoppe francesi. Palmares da fare invidia a tanti grandi, del presente e non solo, Kylian ha trascinato la propria nazionale under 19 al trionfo europeo nell’anno 2016. I trionfi non si fermano però ai 15 a livello di collettivo, club o nazionale, ma riguardano anche la sfera individuale del giocatore. Nel 2018 si è infatti aggiudicato l’edizione inaugurale del Trofeo Kopa, titolo premiante il miglior under 21 del pianeta, ed è riuscito a scalare la graduatoria del Pallone d’Oro sino alla quarta posizione nello stesso anno (solamente sesto e nono gli anni successivi).

Kylian Mbappé - Monaco
Kylian Mbappé – Monaco

I natali calcistici di Mbappé risalgono alle formazioni giovanili della squadra della sua città, l’AS Bondy. Mossi i primi passi con un pallone tra i piedi nei campi dell’estrema periferia della capitale, il ragazzo entra a far parte dell’INF Clairefontaine, la più prestigiosa accademia del football transalpino. Qui trascorre ben poco tempo prima che i radar delle principali società calcistiche mondiali captino in lui le stigmate del fenomeno. Nonostante le ‘avances galattiche‘, Kylian opta per l’AS Monaco, club che gli regalerà per la prima volta le vetrine del grande calcio.

Il calendario recita 2 dicembre 2015 quando il ragazzo di Bondy pone per la prima volta gli scarpini entro il rettangolo verde in Ligue1 dando dunque inizio alla propria carriera nel calcio professionistico. Carriera che si rivela sin dalle prime battute all’insegna dei record: Kylian ne infrange diversi dal peso specifico tutt’altro che indifferente. Il giorno del debutto diviene il più giovane giocatore di sempre a vestire la maglia del club del Principato, a soli due mesi di distanza mette a segno la propria prima rete, soffiando dunque ad un certo Thierry Henry il primato di più giovane marcatore dei biancorossi (stampando i propri 17 anni e 62 giorni nella storia del club).

Kylian Mbappe, attaccante del Psg
Kylian Mbappe, attaccante del Psg

Kylian Mbappè, il cammino verso l’ascesa

I primi passi del proprio cammino verso l’ascesa sul palcoscenico del livello assoluto del calcio vengono mossi da Mbappé all’Etihad Stadium della blue half di Manchester. Il 21 febbraio 2017 il suo Monaco esce con le ossa rotte dal sopracitato stadio, tuttavia Kylian mette a segno la propria prima rete in Champions League. Risultato personale questo, bissato a soli 22 giorni di distanza da quel giorno. In occasione di uno degli ottavi di finale di ritorno più pazzi degli ultimi anni, il francese pota avanti i suoi dopo soli 8 minuti. Reti, le sue, che hanno contribuito all’impresa di eliminare i più quotati citizens. Quella stagione gli regala diverse soddisfazioni, in Europa ed entro i confini nazionali. In Champions segna la propria prima doppietta nella competizione contro il Borussia Dortmund ai quarti di finale e, al turno successivo, diviene il più giovane calciatore di sempre a segnare in una semifinale del torneo in questione. In Francia invece, il Monaco trionfa in Ligue1 regalando così a Kylian il proprio primo trofeo in carriera.

Il primo, e sinora unico, trasferimento della carriera giunge in data 31 agosto durante l’anno 2017. Il Paris Saint Germain acquisisce in prestito con diritto di riscatto le prestazioni di Kylian Mbappé. La cifra finale per la quale il club parigino concluderà l’operazione si attesta attorno ai 180 milioni di euro, facendo così del francese il secondo acquisto più oneroso della storia del calcio sino a quel giorno. In maglia Paris si toglie le soddisfazioni più grandi della propria carriera sino ad oggi a livello di club. I successi entro i confini francesi sono molteplici, così come le prestazioni da urlo negli stadi più importanti d’Europa.

Tuttavia, le delusioni europee non sembrano aver fine, così come il crollo dell’impero PSG, quantomeno dal punto di vista del morale e progettuale. Mbappé è solito a grandi acuti nelle notti che chiamano i campioni del suo calibro alla ribalta, tuttavia raramente le sue giocate sono sospinte da un’unità di intenti e uno spirito di gioco tali da esaltarne le prodezze con risultati all’altezza delle aspettative. In estate il baby fenomeno potrebbe inseguire la gloria europea, magari in quella Madrid lasciata da ragazzo con la promessa che quel saluto sarebbe dovuto essere un arrivederci e mai un addio.

Mbappé - Francia, Mondiale Russia 2018
Mbappé – Vittoria del Mondiale di Russia 2018 con la Francia

Kylian Mbappé, nel segno della leggenda: il futuro nel suo calcio

Il peso di incarnare il volto della next generation del calcio europeo e mondiale non pare gravargli minimamente sulle spalle, a testimonianza di ciò anche le furiose e persistenti sgroppate sulle fasce. Dai Ronaldo a Pelé, il mondo del grande calcio punta gli occhi e il dito sulla stellina tutto talento e classe di Bondy. Se a Ronaldo, Cristiano, è stato accostato più volte per motivi legati alla cabala che per quelli squisitamente calcistici, colui che agli annali ci è passato col nome di Fenomeno si è speso in prima persona per incensare l’estro calcistico del francese: “Ha grandi qualità, tecnica e velocità. Mi rivedo in lui“. Non di minor spessore le parole del padre di questo sport, O’ Rei: “Può essere il mio successore, mi rivedo nella sua capacità di giocare velocemente“.

Se per ovvie ragione il sangue brasileiro, linfa inconfondibile di un calcio danzato, non può scorrere nelle sue vene, il campione del mondo spicca come migliore tra i pochi eletti in grado di incarnare la ginga nel proprio gioco. Il futebol bailado a firma do Nascimento, tramandato da quest’ultimo al francese per ricalcarne le orme e perseguire il cammino verso l’olimpo dei più grandi. Zero distrazioni, né futuro né paragoni illustri, il percorso di Kylian procede dritto e rapido, bruciando tappe come gli avversari. Un concentrato di storia e destino in Kylian Mbappé, giovane ragazzo dell’estrema periferia di Parigi cresciuto col braccio proteso verso il testimone della leggenda, scettro donatogli dai più grandi.