Superlega, progetto realizzabile? Le parole di Laporta e la posizione dei club

Riccardo Siciliano
2 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

Dopo la sentenza della Corte UE, il progetto Superlega è tornato in auge. A22 Sport, società dietro l’idea, nelle scorse settimane ha annunciato la nuova proposta, che si differenzia nettamente da quella prospettata inizialmente, con un sistema a tre leghe e una formula di promozioni/retrocessioni, con un’inedita fruizione del prodotto tramite la piattaforma Unify.

A ribadire che il progetto è più vivo che mai ci ha pensato anche Joan Laporta, presidente del Barcellona, ai microfoni della radio spagnola RAC1: “Che vengano o meno le squadre inglesi non me ne importa. Ad un club si da una proposta per sui, solo partecipando, gli dici che guadagnerà 100 milioni che non si guadagnano nemmeno vincendo la Champions. Quali club potrebbero accettare già ora? Barcellona, Real Madrid, Inter, Milan, Napoli, Roma, Marsiglia, tre olandesi, Bruges e Anderlecht. 16 o 18 squadre“.

La posizione dei club

Le parole di Laporta hanno contribuito inevitabilmente a generare ulteriore scalpore sulla vicenda. La Roma ha confermato di non appoggiare la Superlega tramite un comunicato ufficiale. Comunicazioni in merito non sono arrivare dall’Inter, che dovrebbe però rimanere fedele all’ECA e alla Uefa, così come il Milan. Il Mattino scrive che il presidente De Laurentiis sarebbe scettico sul progetto, ma non del tutto contrario.

Dalle dichiarazioni del presidente del Barcellona si intuisce invece il mancato appoggio della Juventus, inizialmente tra i promotori della Superlega, che ha ritrovato la pace con la Uefa. Confermato anche il mancato appoggio della Premier League, che potrebbe far naufragare definitivamente l’idea. Nonostante ciò, rimane aperta la possibilità di un canale di dialogo tra i club e Ceferin per discutere di alcuni cambiamenti.

In questo articolo si parla di:

Seguici anche sui nostri Social

TI POTREBBE INTERESSARE

i più letti della settimana