Vola il Bologna: il Dall’Ara è un fattore, ma Thiago Motta spaventa

Lorenzo Zucchiatti
2 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

Finalmente sfatato in casa Bologna il tabù prima vittoria nel 2024, giunta in rimonta ai danni di un Sassuolo sempre più inguaiato nella lotta alla salvezza. Solo 2 punti nelle 4 gare successive al trionfo sull’Atalanta che ha chiuso il 2023 rossoblù, uniti all’eliminazione dalla Coppa Italia per mano della Fiorentina, ma tale successo rilancia le ambizioni europee dei felsinei, ora al 5° posto a -3 dalla Dea 4ª. Il Dall’Ara è indubbiamente un fattore determinante: 8 vittorie, 2 pareggi ed una sola sconfitta in casa (contro il Milan alla 1ª giornata di Serie A), per un totale di 26 punti (dietro solo ad Inter, Atalanta e Juventus). Spaventa però il futuro di Thiago Motta.

Thiago Motta da big: Milan in pole, ma occhio a Napoli e Juventus

Tante le note liete di questo Bologna, e basti pensare ai vari Zirkzee, Ferguson, Calafiori solo per fare degli esempi. Grande merito al direttore d’orchestra Thiago Motta, con il quale i rossoblù vorrebbero intraprendere un percorso alla Gasperini. Sarà difficile però resistere agli assalti delle big in estate, con addirittura voci che lo accosterebbero al Barcellona. In pole però ci sarebbe il Milan, che sogna il suo arrivo per il post Pioli, magari insieme a quel Joshua Zirkzee bramato da molti. Occhio però al Napoli, che al 99% non proseguirà con il traghettatore Mazzarri, e alla Juventus, contenta con Allegri ma alla porta nel caso in cui le strade si dovessero dividere.

In questo articolo si parla di:

Seguici anche sui nostri Social

TI POTREBBE INTERESSARE

i più letti della settimana