Nostalgia Zaniolo, dalla Serie A alla Nazionale: due pretendenti per l’ex Roma

Redazione
2 lettura minima

Seguici sui nostri canali

Nostalgia canaglia, cantavano Albano e Romina a Sanremo nel 1987, ed è ciò che sta vivendo in questo periodo Nicolò Zaniolo. Dopo i segnali di ripresa al Galatasaray, l’occasione in Premier League all’Aston Villa dove, dopo poco meno di 1000′ accumulati in 27 gare e appena 2 reti all’attivo, non riesce proprio a brillare. In estate il suo ritorno in Turchia sembra scontato, posto che i Villains, dopo i 5 milioni di prestito sborsati, dovrebbero tirare fuori altri 22,5 milioni di riscatto più 15,5 di eventuali bonus e il 10% sulla futura rivendita. L’ex Roma sente la mancanza di Serie A e Italia, riporta la Gazzetta dello Sport.

- Pubblicità -

Con questo suo desiderio si intreccia la spasmodica voglia di Nazionale, con un Europeo alle porte che può rilanciare la sua immagine, non più idilliaca nel Bel Paese, e la sua carriera. Dopo la fiducia dimostratagli da Spalletti a novembre, Zaniolo attende la chiamata per le amichevoli di marzo con Venezuela ed Ecuador negli Stati Uniti, nodo cruciale che può dare indicazioni sulle convocazioni finali. Un buon torneo potrebbe invogliare la Serie A a dargli una secondo chance dopo la parentesi Roma. Ma chi potrebbe fiutare l’occasione? Due sono le pretendenti più accreditate.

Venghino signori: Fiorentina e Juventus osservano, Milan e Napoli lontane

Non dovesse esserci un inaspettato exploit in questo finale di stagione, il prezzo di Zaniolo quest’estate potrebbe essere decisamente più basso di quello pattuito dall’Aston Villa. La nostalgia del giocatore fa il resto, e dunque non è utopia immaginare l’entourage dell’ex Roma, i primi di giugno, con i cartelli “Venghino signori venghino”: nel nostro campionato, Fiorentina e Juventus osservano interessate la situazione, in un reparto dove Italiano chiede un rinforzo di livello da tempo, e Chiesa dà poche garanzie fisiche. Milan e Napoli più lontane, posto che Maldini era il suo estimatore numero 1 e De Laurentiis ha puntato su Ngonge.

- Pubblicità -