Calhanoglu alla Modric: la metamorfosi, lo scudetto, e un record nel mirino

Lorenzo Zucchiatti
3 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

Agli allenatori, si sa, non piace parlare dei singoli, ma a noi decisamente sì. E allora, per quanto questa Inter sia figlia di un lavoro collettivo magistralmente diretto da Inzaghi, ciò che sta facendo Calhanoglu è qualcosa di incredibile. Tifosi ed appassionati ricorderanno con un sorrisetto sornione i tempi in cui “Eh ma senza Brozovic l’Inter non è la stessa cosa”. E in effetti è vero, perché, non si offenderà il buon Marcelo, questa squadra con il turco è anche meglio. Una metamorfosi del genere, all’alba dei 30 anni era qualcosa di difficilmente immaginabile.

Da fantasista fuori dagli schemi, talentuoso ma acerbo, a regista leggiadro, veloce e dotato di una precisione di passaggio alla Modric o alla Pirlo. Anche contro la Juventus era ovunque: pronto in interdizione, sventagliate da una parte all’altra da far venire gli occhi a cuoricino al buon Dimarco, al tiro con Szczesny a ringraziare il palo. Se l’Inter riuscirà nell’impresa della seconda stella, un pezzetto di scudetto sarà in gran parte da attribuire a Calhanoglu che, per non farsi mancare niente, ha anche uno speciale record nel mirino.

Garanzia rigori: Calhanoglu a -3 da Pazzini per il record

Non bastavano una qualità innata ed una visione di gioco ai limiti del paranormale. Tra le sue doti anche una freddezza e lucidità che, oltre a permettergli di affrontare ogni ambiente senza problemi, vedi i derby da ex contro il Milan, permettono all’Inter di essere una garanzia con i rigori: proprio in questo fondamentale, Calhanoglu è a -3 da Pazzini in uno speciale record, ovvero quello di maggior numero di penalty segnati di fila in Serie A. “Il Pazzo” ne ha realizzati 16 (tra il 2012 e il 2020), mentre dietro di lui c’è Ibrahimovic a 15 (tra il 2010 e il 2020), Lukaku (fino all’errore col Lecce di quest’anno) e Totti (tra 2007 e 2010) a 14. Il turco è a 13 insieme a Del Piero, Dybala, CR7, Insigne e Suazo, ma è l’unico a poter ancora migliorare tale score.

In questo articolo si parla di:

Seguici anche sui nostri Social

TI POTREBBE INTERESSARE

i più letti della settimana