Caos Lazio, Sarri attacca i suoi: “Io il problema? Tirate fuori le p***e”

Lorenzo Zucchiatti
2 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

Che succede alla Lazio? Una domanda più che legittima, visto che in tre settimane abbondanti si è scatenato il caos in un ambiente che veniva da 4 vittorie consecutive in Serie A, ed una lotta Champions League riaccesa, più un derby di Coppa Italia vinto. Improvvisamente, dalla debacle in semifinale di Supercoppa contro l’Inter, la squadra ha perso tutto l’entusiasmo accumulato, si scioglie davanti alle difficoltà e non mostra più il calcio propositivo che Sarri vuole. Proprio il tecnico dei biancocelesti si sarebbe reso protagonista di un retroscena clamoroso.

Riporta il Corriere dello Sport che, dopo la strigliata del ds Fabbiani nell’intervallo di Bergamo e gli striscioni polemici dei tifosi fuori Formello, il confronto tra Sarri e squadra ha avuto toni accesi, con un concetto espresso duramente: “Se pensate che il problema sia io tirate fuori le p***e e andate da Lotito”. Tensione palpabile nell’aria che si trascina già da mercoledì scorso, giorno di doppio allenamento e di quattro sessioni video nelle quali l’allenatore aveva sottolineato con veemenza lacune tattiche e tecniche dei suoi. Ambiente Lazio spaccato, che deve dare risposte già a Cagliari.

Lazio da ricompattare: dal gruppo al cambio modulo

Nei due episodi di confronto con la squadra, Sarri sarebbe addirittura andato in escandescenze a tratti, mostrando tutta la tensione e frustrazione che lo caratterizzano in questo momento. C’è una Lazio da ricompattare, a cominciare da un gruppo che non lo segue più come prima e che non sopporta più di buon grado paternali, rimproveri e scenate come quelle registrate. All’orizzonte anche un possibile cambio modulo, con l’abbandono del caro 4-3-3 in favore di un 4-3-1-2 che i giocatori sembrerebbero ritenere più adatto alle loro caratteristiche. Insomma tanta confusione, ma la corsa Champions League non aspetta nessuno.

In questo articolo si parla di: