Fiorentina-Frosinone, Italiano: “Bonaventura? Siamo professionisti, la sua testa è qui”

Francesco Mazza
2 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

Alle ore 12.30 all’Artemio Franchi la Fiorentina affronta il Frosinone per il lunch match della ventiquattresima giornata di Serie A. I viola devono rialzarsi dopo le ultime settimane in cui i risultati non sono arrivati, perdendo posizioni in classifica. Tre sconfitte nelle ultime quattro partite non sono all’altezza della prima parte di stagione e serve un immediato cambio di rotta per credere nell’Europa.

Pochi istanti prima del calcio d’inizio è intervenuto ai microfoni di Sky Sport il tecnico Vincenzo Italiano: “È un periodo negativo, troppi errori da parte nostra, troppi momenti dove non siamo rimasti dentro la gara che non ci hanno permesso di avere punti in più. Oggi serve questa attenzione, non dobbiamo commettere questi errori. I punti sono importanti, la classifica li richiede. È un periodo dove per nostre mancanze non siamo arrembanti dal primo minuto. Basta poco per invertire la rotta perché abbiamo la capacità di rimediare nella ripresa e possiamo farlo”.

Fiorentina-Frosinone, Italiano: “Nico sta bene, è troppo importante per noi”

Con il Frosinone tornerà dal 1′ Nico Gonzalez, rimasto ai box per diverse settimane causa infortunio e rientrato piano piano negli scorsi turni: Sta bene, ha iniziato ad intensificare il lavoro. Mi auguro possa avere una tenuta abbastanza lunga, deve iniziare a far fatica e innalzare la sua condizione perché va aumentato il minutaggio. È un giocatore troppo importante per noi. La sua voglia e il suo entusiasmo ci daranno tanto”.

Riguardo Bonaventura e il mercato: “In panchina abbiamo Bonaventura, Arthur, Nzola e Sottil. Se sono mentalizzati e capaci anche nel momento in cui subentrano fanno girare le partite, noi abbiamo questa arma. Mercoledì c’è un’altra gara ci può stare avere un’arma a partita in corso. Siamo tutti concentrati su quello che dobbiamo fare nei prossimi tre mesi, siamo professionisti seri, sono convinto che la sua testa è su quello che deve fare questa squadra da qui alla fine della stagione, il mercato è finito“.

In questo articolo si parla di: