Inter in fuga, ostacolo scudetto: Inzaghi da horror a febbraio e marzo

Lorenzo Zucchiatti
3 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

Poco da dire su questa Inter, a maggior ragione dopo lo scontro diretto per lo scudetto vinto con merito. A parlare per la banda di Inzaghi, oltre ad una mole di gioco roboante e tante soluzioni diverse per trovare la via della rete, sono i freddi numeri: 57 punti totali, frutto di 18 vittorie, 3 pareggi ed una sola sconfitta, a San Siro contro il Sassuolo. Miglior attacco del campionato con 51 gol (5 in più del Milan) e difesa meno battuta con 10 (4 in meno della Juventus), oltre alla sfilza di scontri con le big vinti, da Roma, Lazio e Napoli fino al 5-1 al Milan e, appunto, l’ultimo 1-0 alla Juventus.

Inter ora in fuga, a +4 sulla Vecchia Signora con anche la gara interna con l’Atalanta da recuperare, che potrebbe mettere la parola fine ai giochi per il titolo. Rimane un ostacolo sulla strada dei nerazzurri per lo scudetto, raccontato dai numeri: febbraio e marzo sono due mesi da horror per Inzaghi, o almeno così dice la storia. Se la costanza è sempre stata una dote della squadra del tecnico piacentino, l’avvicinarsi della primavera ha sempre fatto un brutto effetto: nelle due stagioni nerazzurre dell’ex Lazio, 2021/22 e 2022/23, sono 14 in 120 giorni i punti accumulati dall’Inter.

Tabù Inzaghi: mai più di 7 punti con l’Inter

I numeri non mentono, e raccontano di un tabù per Inzaghi che, per non fallire l’appuntamento con la seconda stella, andrà necessariamente sfatato: 7 punti conquistati su 21 disponibili tra febbraio e marzo nella prima annata, frutto di 1 sola vittoria, 4 pareggi e 2 sconfitte contro il temuto Sassuolo e nel famoso derby del “Si è girato Giroud”. Nuovamente solo 7 punti su 18 nella stagione scorsa, con 2 vittorie, 1 pareggio col fanalino di coda Sampdoria e ben 3 sconfitte contro Bologna Spezia e Juventus. Allegri spera che tutto ciò possa ripetersi, anche se quest’anno l’Inter sembra avere una consapevolezza ed un mordente decisamente diverso.

In questo articolo si parla di:

Seguici anche sui nostri Social

TI POTREBBE INTERESSARE

i più letti della settimana