Juventus, Alcaraz si presenta: “Il riscatto non mi spaventa, posso giocare ovunque”

Riccardo Siciliano
3 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

Arrivato l’ultimo giorno della sessione invernale di calciomercato, Carlos Alcaraz ha già fatto il suo esordio con la Juventus nel match contro l’Inter. In conferenza stampa, il centrocampista argentino ha commentato i suoi primi giorni in bianconero: “Sono qui da una settimana. Sono molto contento, sto bene. Sono già con il gruppo, mi sto allenando. Mi ha ricevuto molto bene, Anche il gruppo dei tecnici, mi hanno accolto bene“.

Alcaraz ha poi parlato del suo ruolo e del giocatore a cui si ispira: “Gioco bene in mezzo al campo, ma anche da falso nove, qui sto giocando più sulla parte interna della fascia destra. Sono disposto a giocare ovunque decide il mister. Mi hanno associato a grandi campioni e sono contento. Cristiano Ronaldo per me è stato un’ispirazione“.

Alcaraz: “Mi piace la pressione”

Alcaraz si è poi soffermato sul paragone con Vidal: “Sono contento di questi confronti, Vidal è stato un grande giocatore e sono contento di essere associato a lui. Devo fare le cose bene, per il giocatore che sono. Sono grato del paragone, ma ora penso a me stesso. La Juve mi è sempre piaciuta perché ci sono passati tanti giocatori forti, compresi argentini“.

L’argentino è tornato anche sul debutto a San Siro: “Non è stato buono per il risultato, ma mi ha permesso di entrare in una partita di livello, a me piacciono queste partite con tanta pressione. Sono un ragazzo che non ha paura di giocare nonostante l’età. La squadra è composta da giocatori giovani, poi ci sono anche i più esperti che appoggiano noi giovani“.

Alcaraz: “Voglio vincere, non temo il riscatto”

Infine, Alcaraz ha detto di non essere spaventato dal riscatto: “Paura no, non me ne mette. Il tema del prezzo si vedrà nel tempo, ho intenzione di fare bene e magari diventa un prezzo giusto come no. Sono tranquillo, so che devo lavorare bene. Non mi piace perdere, voglio sempre vincere, è la mia attitudine. Vedo la fiducia che c’è in me“.

In questo articolo si parla di: