Maignan spaventa il Milan, rifiutata la proposta di rinnovo: Furlani a rilancio

Francesca Rofrano
2 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

Uno dei simboli più importanti della rinascita del Milan, Mike Maignan è ormai il leader della squadra rossonera ed ora, a stagione in corso, e con le voci di calciomercato sempre più intense, potrebbe iniziare a pensare a quale possa essere in realtà il suo futuro. Con un contratto in scadenza nel 2026, il giocatore è considerato come uno dei migliori portieri presenti in Europa, e squadre del calibro di Bayern Monaco e PSG sarebbero intenzionate a farsi trovare pronte in caso il francese decidesse di lasciare il club meneghino.

Per arrivare ad un punto d’incontro per la questione del rinnovo di Maignan, l’amministratore delegato Furlani dovrà fare i conti con richieste piuttosto elevate da parte di un entourage consapevole dell’importanza dell’estremo difensore tra le fila di Stefano Pioli. Stando a quanto riportato da Tuttomercatoweb, il portiere rossonero avrebbe già rifiutato una prima proposta per il rinnovo a 5 milioni di euro, puntando ad un ingaggio da top player a 8 milioni di euro, vicino a quello di Rafael Leao.

Maignan spaventa il Milan, Furlani ritenta

Le prossime settimane potrebbero dunque essere decisive per scoprire quale potrebbe essere il futuro di Mike Maignan, che rifiutando un rinnovo da 5 milioni ha messo in tensione tutti i tifosi del Diavolo. Furlani e la dirigenza rossonera però non sarebbero intenzionati ad arrendersi ed è normale che in questi casi il cosiddetto tira e molla faccia parte del gioco.

Infatti, nei prossimi giorni, l’amministratore delegato avrebbe in mente di aumentare la proposta per il rinnovo, fino a spingersi ai 6 milioni di euro+bonus. Bisogna dunque attendere per scoprire quali possano essere le prerogative di Magic Mike, che attualmente viene valutato dalla società circa 50 milioni di euro, ma con il prezzo destinato a salire, anche in base agli obiettivi che il Milan riuscirà a raggiungere al termine della stagione.

In questo articolo si parla di:

Seguici anche sui nostri Social

TI POTREBBE INTERESSARE

i più letti della settimana