Pagelle Genoa-Atalanta 1-4: Badelj professore, Pasalic onnipresente

Lorenzo Ferrai
5 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

Dopo aver fermato Inter e Juventus, il Genoa è costretto ad arrendersi davanti al proprio pubblico, al cospetto di un’Atalanta mai doma e sempre capace di far fronte alle difficoltà. I bergamaschi hanno trovato il vantaggio con De Ketelaere, imbeccato alla perfezione da un monumentale Pasalic. La reazione d’orgoglio rossoblù ha portato al apri a inizio ripresa, con il siluro di Malinovskyi. Gioia durata meno di cinque minuti, poiché la magistrale punizione di Koopmeiners riportato avanti gli ospiti. Nel recupero, i sigilli di Zappacosta e Touré hanno fissato il risultato sul definitivo 1-4.

Pagelle Genoa

  • Martinez 6: Tiene in vita i suoi con una gran parata su Pasalic. In apprensione quando deve giocare con i piedi.
  • Vogliacco 5: Nella terra di nessuno sul gol Di De Ketelaere. Quando viene puntato, comincia a tremare. (dal 92′ Vitinha SV)
  • Bani 5,5: In difficoltà quando viene puntato in velocità. Fa fallo al limite e Koopmeiners non lo perdona.
  • Vasquez 6: Un braccetto che diventa terzino. Costantemente nella metà campo bergamasca.
  • Sabelli 5,5: Molto mobile ma anche piuttosto impreciso. (dall’83’ Messias 6: Molto vivace, ma è poco assistito)
  • Malinovskyi 6,5: Timido nel primo tempo, poi spacca la porta con un sinistro imprendibile.
  • Badelj 7: Sa sempre cosa fare col pallone fra i piedi. Non ha i cavalli dell’ala ma ha l’intelligenza di un computer. Palla da professore per Malinovskyi. Prezioso anche in copertura. (dal 63′ Ekuban 5,5: Poche palle giocabili)
  • Strootman 5: Nervoso e impreciso. Lascia troppi buchi a centrocampo e l’Atalanta ne approfitta. (dal 63′ Martin 6: Dà corsa e verve, costringendo l’Atalanta a difendersi)
  • Frendrup 6: Tanta sostanza nell’inusuale ruolo di esterno. Sfiora il gol con una bordata da fuori.
  • Gudmundsson 5,5: Meno travolgente del solito. Mancano i guizzi e le illuminazioni a cui ci ha abituati. Ha la chance del pari ma si fa ipnotizzare da Carnesecchi.
  • Retegui 6: Mobile e molto cercato. Duetta bene con i compagni e va vicino al gol per due volte.

Pagelle Atalanta

  • Carnesecchi 7: Si prende la scena con i miracoli su Retegui e Gudmundsson. Muro. Crescita impressionate. Non può nulla sulla fiondata di Malinovskyi.
  • Scalvini 6,5: Difensore col solito vizio di spingersi in avanti. Puntuale e sempre presente quando si tratta di supportare la manovra. Segna senza scarpa ma gli viene annullato. (dall’88’ Toloi SV)
  • Djimsiti 5,5: Retegui non è un cliente semplice, che lo costringe spesso a uscire dai blocchi per contrastarlo. Non è esente da colpe in occasione del pareggio.
  • Kolasinac 6: Non va mai in confusione, nemmeno nei concitati minuti finali.
  • Holm 5,5: Non particolarmente preciso, anche piuttosto dimesso. Gasperini intuisce le difficoltà e lo tira fuori. (dal 57′ Zappacosta 6,5: Il suo ingresso dà maggiore vivacità alla manovra, soprattutto negli allunghi in contropiede. Ex senza pietà)
  • De Roon 6: Macina chilometri e dà molta quantità al centrocampo. Lui recupera, gli altri segnano.
  • Pasalic 7,5: Metaformosi velocissima e completa. È tornato ai suoi livelli di un tempo. Illumina De Ketelaere e procura la punizione dell’1-2. Onnipresente.
  • Ruggeri 6,5: Grande gamba, la usa tanto e anche bene. (dal 95′ Hateboer SV)
  • De Ketelaere 6,5: È definitivamente maturato. Lesto a controllare e scaricare in rete l’assist di Pasalic. (dal 57′ Touré 6,5: Bagna l’esordio con il poker)
  • Koopmeiners 7: Al rientro in campo, a scartamento ridotto nel primo tempo, poi riporta avanti i suoi con una punizione magistrale.
  • Scamacca 5: Averlo in squadra è meglio che contro. Ma la sua partita è tutt’altro che indimenticabile. Non gli arrivano molti palloni. (dal 57′ Miranchuk 7: La sua presenza in avanti mette in costante apprensione la retroguardia genoana. Mette lo zampino negli ultimi due gol)
In questo articolo si parla di: