Roma-Cagliari, De Rossi: “Ecco perché ho escluso Huijsen”

Lorenzo Ferrai
3 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

Non c’è due senza tre. La Roma di Daniele De Rossi cerca la terza vittoria su tre nella delicata sfida dell’Olimpico contro il Cagliari. Dopo l’esonero di Mourinho, i giallorossi hanno ritrovato entusiasmo con l’ex centrocampista romano, cogliendo sei punti preziosissimi contro Verona e Salernitana, che li hanno condotti al sesto posto, a un solo punto di distanza dall’Atalanta quarta. Il tecnico capitolino si è presentato nella consueta conferenza stampa della vigilia per analizzare la gara: “Abbiamo lavorato sulla condizione fisica e sulle nostre idee di gioco. I ragazzi hanno risposto bene di gambe e di testa“.

A breve, la Roma riprenderà anche l’avventura europea e De Rossi ha risposto in merito ai cambi effettuati nella lista UEFA: “Ho fatto tre cambi, il massimo consentito. Ho dato la precedenza alla formazione per avere doppi ruoli. Perciò ho inserito Baldanzi e Angelino. Ho lasciato fuori Huijsen e Kristensen che sono due giocatori per me importanti, ma è una scelta che dovevo fare“. Il mister ha fatto il punto anche sugli infortuni di Smalling e Renato Sanches: “Chris lo vedremo tra i convocati per l’Inter o al massimo per il Feyenoord. Renato sta meglio e verrà convocato. Vedo un ragazzo che sta bene, lo staff lo curava già prima che arrivassi io“.

De Rossi: “Ho un bel legame con Ranieri”

Quella di domani sarà una gara speciale per De Rossi, che ritroverà Claudio Ranieri: “Ho un bel legame con lui. Ho vissuto due momenti emozionanti, quando abbiamo sfiorato lo Scudetto e i miei ultimi mesi da calciatore alla Roma. Mi ha accompagnato nei saluti. Ha un’intelligenza acuta, esci sempre arricchito da una chiacchierata con lui“.

Dybala, Roma
Dybala, Roma @livephotosport

De Rossi ha concluso il proprio intervento parlando delle rotazioni a centrocampo e di Dybala: “I giocatori forti sono sempre un vantaggio. L’Inter tiene fuori Asllani e Frattesi che sarebbero titolari ovunque. Fare delle rotazioni per me è un vantaggio. Le squadre forti hanno tanti giocatori di valore. Con undici di livello vinci una partita, con la rosa completa ottieni i risultati che desideri. Dybala è uno dei giocatori che ha delle indicazioni base, poi è libero, ma è giusto così. Ho giocato vent’anni con Totti e nessuno gli diceva come posizionarsi. Quando aveva la palla sapevamo di doverci buttare negli spazi perché poi lui ci avrebbe visti“.

In questo articolo si parla di: