Salernitana, Inzaghi polemico: “Le scuse di Sabatini non hanno senso”

Francesca Rofrano
2 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

Con l’ultimo posto in classifica e l’ennesima sconfitta per mano del Genoa hanno portato la società della Salernitana ad optare per l’esonero di Filippo Inzaghi, tecnico subentrato in corsa in sostituzione di Paulo Sousa ad inizio stagione. Nonostante il mercato pieno di arrivi, l’ormai ex tecnico granata non è riuscito a trovare la quadra tattica ideale e, dopo l’esonero arrivato nella giornata dell’11 settembre, a favore di Liverani, ha salutato i propri tifosi attraverso un post sui social dai toni abbastanza accesi, con una stoccata evidente al nuovo direttore sportivo Walter Sabatini: “Il momento della separazione è complicato, specie quando si subisce la decisione. Salerno mi è entrata dentro e l’unica parola che ora sento di dire dal cuore è grazie“.

Poi continua: “Non sento il peso di un fallimento, sento la debolezza di una missione incompiuta non per mia volontà, assieme al grande senso di responsabilità per una città e una delle più belle tifoserie di Italia. Ho provato a scuotere l’ambiente dall’interno, paventando le mie delusioni, ma sono sempre stato persuaso a continuare”.

Salernitana, Inzaghi contro Sabatini: “Non vedo il senso di chiedere scusa”

Dopo l’esonero di Filippo Inzaghi, Walter Sabatini ha parlato in conferenza stampa chiedendo scusa allo stesso allenatore per non averlo aiutato abbastanza. Con il post sui social, il tecnico piacentino ha risposto con tono polemico le parole del ds: “Ho sposato il progetto con trasparenza e quest’ultima è ciò che avrei voluto, soprattutto sul mercato che, a mio avviso, è stato tardivo e non in linea. A poco servono le frasi consolatorie di Sabatini, anche perché non vedo il senso di chiedere scusa su un proprio errore e tagliare la testa ad un altro. Io vivo per il calcio e la lealtà che mi ha insegnato. Infine a poco servirebbe dire che la Dea bendata con noi ha girato la testa da un’altra parte. Vi abbraccio tutti con affetto, e sempre “macte animo“.

In questo articolo si parla di:

Seguici anche sui nostri Social

TI POTREBBE INTERESSARE

i più letti della settimana