😤 Rigore negato per la Juventus, protesta lo Stadium: Gatti out per il ritorno

Rigore negato alla Juventus nel primo tempo contro la Lazio per posizione di fuorigioco di Cambiaso prima del contatto con Vecino: Gatti salterà la partita di ritorno

Riccardo Siciliano
2 lettura minima

Seguici sui nostri canali

Primo tempo concluso a reti bianche tra Juventus e Lazio, che non ha però deluso le aspettative per emozioni e livello di agonismo. Il primo colpo arriva al nono minuti di gioco, quando Mattia Zaccagni è rimasto a terra dopo un duro contrasto di gioco con Federico Gatti, in cui ha avuto la peggio. Movimento innaturale della caviglia sinistra, che lo ha costretto ad uscire dal campo.

- Pubblicità -

Approfittando della momentanea superiorità numerica, la Juventus si è riversata in area della Lazio e all’11’ l’arbitro Massa assegna un rigore ai bianconeri: Cambiaso anticipa in area Vecino che, nel tentativo di rinviare il pallone, colpisce il piede dell’esterno azzurro.

Richiamo Var

Pochi dubbi sul contatto tra i due calciatori, ma il VAR richiama l’arbitro al monitor per valutare una possibile posizione di fuorigioco di Cambiaso: in area Vlahovic colpisce il pallone di testa, Patric allontana il pallone a sua volta di testa e in seguito al questo tocco l’esterno bianconero interviene sul pallone.

Dopo aver rivisto l’azione al monitor, Massa ha giudicato fortuito il tocco di Patric e non come giocata, dunque la posizione di Cambiaso rimane in fuorigioco e rigore negato. Proteste di Allegri e dello Stadium, rimangono alcuni dubbi sulla decisione del direttore di gara.

Gatti diffidato

Questa non è stata l’unica brutta notizia per la Juventus nel primo tempo. Infatti, al 37′ Gatti viene ammonito per un fallo alla caviglia ai danni di Isaksen. Il centrale dei bianconeri era diffidato e sarà costretto a saltare la partita di ritorno dello stadio Olimpico del prossimo 23 aprile.

- Pubblicità -