Atalanta-Juventus, Allegri: “Le finali sono sempre al 50% di probabilità”

Alla viglia della finale di Coppa Italia tra Atalanta e Juventus, in programma mercoledì 15 maggio, ha parlato in conferenza stampa Massimiliano Allegri

Francesco Mazza
3 Minuti di lettura
- Pubblicità -

Seguici sui nostri canali

Per salvare una stagione decisamente complicata, la Juventus affronterà l’Atalanta nella finale di Coppa Italia, in programma domani, mercoledì 15 maggio, allo Stadio Olimpico. Alla vigilia del match, ha parlato in conferenza stampa Massimiliano Allegri: “Bene, speriamo domani sera meglio. Abbiamo raggiunto l’obiettivo Champions e ora c’è questa finale bella da giocare, contro una squadra che gioca molto bene e cui faccio i complimenti anche per la finale di Europa League”.

Il tecnico della Juventus ha poi continuato: “Domani indipendentemente da tattica e tecnica ci vorrà disponibilità in campo per vincere più duelli possibili. Sappiamo che ci sono momenti di difficoltà in ogni partita e dovremo combattere nel migliore dei modi. Le finali sono sempre al 50% di probabilità, devi portare l’episodio dalla tua parte sapendo che con loro non finiscono mai le partite“.

Sull’essere sfavoriti o meno: “Il calcio è meraviglioso, in un attimo ti si può rovesciare a favore o contro e così come una stagione. In questo momento tutti danno per favorita l’Atalanta e per noi domani domani potrebbe essere anche l’ultima finale. Ci vorrà lucidità, serenità e concretezza. Se poi gli avversari saranno stati più bravi, stringeremo la mano. Nicolussi Caviglia? Sta bene. Devo scegliere a centrocampo, senza Locatelli, e sugli esterni. Tra stasera e domattina le ultime valutazioni”.

Allegri: “L’obiettivo principale era la Champions League”

Allegri ha commentato la possibilità che questa partita cambi la stagione:Ripeto fino alla noia, l’obiettivo principale era che la Juventus partecipasse alla prossima Champions League. Ci sono momenti in cui nella vita, se non puoi vincere, puoi comunque garantire un tesoretto alla società. Vedremo se vinceremo, ma partecipare a questi eventi non è da tutti. Se saremo bravi e un po’ fortunati potremo portarla a casa, ma l’obiettivo era la Champions”.

Sull’Atalanta: “La partita potrebbe essere sulla falsariga del campionato ma dipenderà da come si evolve. I dettagli fanno la differenza nelle partite secche, noi comunque abbiamo una squadra forte, difficile da giocarci contro quando mette l’attenzione giusta. Sapendo che l’Atalanta gioca bene, ho visto con la Roma hanno fatto una gara straordinaria ma quando prendi il 2-1 poi magari le partite cambiano. Testa e grande equilibrio”.

Accedi per ricevere Aggiornamenti

Segui le squadre o le competizioni che preferisci per restare sempre aggiornato!

Proseguendo dichiari di aver letto e compreso
l’informativa privacy

P