🏳️ Caso Mancini, Abodi non ci sta: “La maleducazione va punita”

A parlare del caso relativo al derby tra Roma e Lazio e che ha coinvolto Gianluca Mancini è stato Abodi: il ministro per lo sport e i giovani ha sottolineato come la maleducazione debba essere punita

A cura di Lorenzo Gulino
- Pubblicità -

Adesso non c’è più spazio per le polemiche. Il Giudice Sportivo ha emesso la sua sentenza in merito al caso Mancini. Una decisione che colpisce il difensore giallorosso per quanto fatto alla fine del derby tra Roma e Lazio: il numero 23 ha, infatti, preso una bandiera dalla Curva Sud, rappresentante un topo con uno sfondo biancoceleste, e l’ha cominciata a sventolare.

A parlare di ciò è stato il ministro per lo sport e i giovani Andrea Abodi durante l’incontro Misure e opportunità a supporto dello sport. Queste le sue parole: “Penso che si debba contrastare in maniera sempre più significativa e dura quella che è la maleducazione e la mancanza di rispetto che arriva anche a forme estreme. Purtroppo ne abbiamo diversi esempi e tra queste ci sono anche i cori razzisti”.

Ha poi continuato: “Il Giudice Sportivo, nel caso di Mancini, si è espresso sulla base della normativa esistente. Molte volte si fa l’errore di declassare la maleducazione in goliardia, ma per me rimane un fattore fondamentale indipendentemente dal colore delle maglie”.

Lettura: 🏳️ Caso Mancini, Abodi non ci sta: “La maleducazione va punita”
P