😠 Dia accusa la Salernitana: “Tutto in pasto alla stampa”

Boulaye Dia dice la sua verità a seguito del caso scoppiato in casa Salernitana dopo la partita contro l'Udinese

Francesca Rofrano
2 Minuti di lettura
- Pubblicità -

Seguici sui nostri canali

La stagione della Salernitana è stata complicata sotto ogni punto di vista, non solo sul campo, ma anche dal punto di vista societario. Il caso Dia, inoltre, ha messo ancora di più in difficoltà i granata, mettendo fuori rosa un calciatore che sarebbe potuto risultare utile per ambire alla salvezza. Il calciatore si sarebbe rifiutato di entrare in campo nel corso del match contro l’Udinese, gesto che gli è appunto costata l’esclusione dai piani tattici.

Ai microfoni dell’Equipe, Boulaye Dia ha deciso di dare la sua versione dei fatti sull’accaduto: “Non mi sono mai rifiutato di entrare. L’allenatore mi aveva chiesto di scaldarmi ed io ho fatto un semplice gesto con la testa e lui mi ha mandato a sedere. Sarebbe dovuto restare tra di noi come deciso negli spogliatoi, ma poi ne ha parlato in conferenza stampa. Ora la Salernitana mi chiede 20 milioni e lo stipendio ridotto. Mentre ora cercano una soluzione per farmi tornare in campo“.

Poi Dia continua a dire la sua verità: “Ho parlato con allenatore, ma non ha voluto capire ed ora mi ritrovo anche con una denuncia e siamo a processo. Mi volevano incolpare ed ora vogliono una mediazione. Colantuono ora mi vorrebbe nuovamente in squadra, ma non abbiamo accordi, non avrei mai voluto succedesse qualcosa del genere. La Salernitana ha deciso di dare tutto in pasto alla stampa. Non è stata mai chiesta la mia versione dei fatti”.

Accedi per ricevere Aggiornamenti

Segui le squadre o le competizioni che preferisci per restare sempre aggiornato!

Proseguendo dichiari di aver letto e compreso
l’informativa privacy

P