😶 Inter-Empoli 2-0, Farris: “Non discutiamo di Lautaro”

Il vice allenatore dell'Inter Farris ha parlato della vittoria sull'Empoli per 2-0, analizzando anche il momento buio di Lautaro Martinez

Francesca Rofrano
2 lettura minima

Seguici sui nostri canali

La partita tra Inter e Empoli si è conclusa sul risultato di 2-0. Tre punti guadagnati nel corso della 30ª giornata che rappresentano un ulteriore tassello verso la vittoria del campionato da parte dei nerazzurri. Al termine della partita però Simone Inzaghi è risultato senza voce ed ecco perché ai microfoni di DAZN si è presentato il vice Farris.

- Pubblicità -

Il vice allenatore dell’Inter ha parlato della prestazione di alcuni giocatori della Beneamata, partendo da Nicolò Barella, uno dei migliori in campo della sfida: “Sta facendo una grande stagione ed il gol con la maglia della Nazionale lo ha caricato ancora di più. Il nostro gruppo è forte ed anche le sostituzioni ci hanno dato una grossa mano”.

Poi, inevitabilmente, l’analisi ricade anche su Francesco Acerbi, giocatore assolto dopo il caos Juan Jesus e le accuse di razzismo: “La scelta di schierare Acerbi è stata del mister. Non abbiamo aspettato il suo rientro e ci ha confermato la sua versione dei fatti. È una bravissima persona e speriamo di ritornare a parlare solo di campo”.

Inter-Empoli, Farris: “Lautaro Martinez non è in discussione”

Altra partita senza gol per Lautaro Martinez che dopo una stagione partita alla grande ha rallentato un po’ il ritmo. Farris ha commentato la prestazione del Toro nel corso di Inter-Empoli: “È l’ultimo arrivato dalle nazionali ed è normale avere un periodo di appannamento, ma questo non lo mette assolutamente in discussione. Anche se non segna però il suo contributo lo dà sempre”.

L’ultimo accenno di Farris va all’obiettivo scudetto, conclamato da società e giocatori: “Non abbiamo parlato di quale partita ci farà vincere lo scudetto, ma il vantaggio che abbiamo oggi non basta ancora. Fa bene all’umore non subire gol e ora abbiamo come unico obiettivo lo scudetto. L’entusiasmo anche in allenamento è incredibile”.

- Pubblicità -