Juventus, rimborsato il bond da 175 milioni di euro: nessun fondo dall’aumento di capitale

Francesco Mazza
2 lettura minima

Seguici sui nostri canali

Era stato anticipato nella giornata di ieri, ma adesso è ufficiale. La Juventus ha rimborsato il prestito obbligazionario da 175 milioni di euro, negoziato nel 2019 al Global Exchange Market di Dublino. Per effettuar questa manovra, la società bianconera non ha dovuto far affidamento ad alcun fondo dell’aumento di capitale, pari a circa 72 milioni circa.

- Pubblicità -

Come riportato da Calcio e Finanza, l’operazione è stata garantita grazie a risorse finanziarie provenienti da linee bancarie già esistenti ed altre nuove, oltre che dalla cessione di crediti pro soluto e crediti futuri che riguardano i diritti audiovisivi per le competizioni italiane dei prossimi cinque anni a partire dal 2024/2025. Ciò dovrebbe permettere quindi una riduzione dell’indebitamento a breve termine, in modo da non dover ricorrere ad altri possibili aumenti di capitale.

Il comunicato ufficiale della Juventus

Tramite una nota ufficiale la Juventus ha comunicato il rimborso del bond di 175 milioni: “Juventus Football Club S.p.A. comunica che, in data odierna, è stato rimborsato integralmente il prestito obbligazionario non convertibile ‘€175,000,000 3.375 per cent. Notes due 19 February 2024’ (codice ISIN XS1915596222), con scadenza il 19 febbraio 2024, negoziato sul sistema multilaterale di negoziazione ‘Global Exchange Market’ di Euronext Dublin, per l’ammontare nominale di € 175 milioni, oltre gli interessi di periodo maturati pari a circa € 5,9 milioni”.

- Pubblicità -