PSG, atto finale al Parco dei Fischi: non solo Mbappé nel mirino

Ancora una volta il Parco dei Principi si trasforma in Parco dei Fischi quando si tratta di big: non solo Mbappé nel mirino dei tifosi del PSG

Lorenzo Gulino
1 Minuti di lettura
- Pubblicità -

Seguici sui nostri canali

Ciò che succede a Parigi, almeno per certi versi, ha dell’incredibile. Il Parco dei Principi talvolta si trasforma in una vera e propria bolgia, ricca di fischi e contestazioni senza guardare in faccia al nome preso di mira. La dimostrazione in casa PSG, contrario alle Olimpiadi, è arrivata con il passare degli anni e, in particolar modo, negli ultimi. Da sottolineare c’è sicuramente l’ultimo caso, ovvero quello di Mbappé che, nonostante sia stato omaggiato nella sua ultima gara in casa, da molti tifosi, invece, è stato attaccato e fischiato.

Ma il francese non è di certo l’unico. A questa lista si aggiungono altri due grandi, anche più dello stesso ex Monaco. Il primo è Neymar che in più occasioni è stato preso di mira perché poco incisivo o per l’alto numero di infortuni rimediati. Il secondo, ma non per importanza, è Messi, uno dei calciatori più forti di sempre. Dunque, al di là del nome sulle spalle, il Parco dei Principi si trasforma anche nel Parco dei Fischi.

Lettura: PSG, atto finale al Parco dei Fischi: non solo Mbappé nel mirino

Accedi per ricevere Aggiornamenti

Segui le squadre o le competizioni che preferisci per restare sempre aggiornato!

Proseguendo dichiari di aver letto e compreso
l’informativa privacy

P