Reijnders opaco, il Milan vuole di più: dalle due panchine al riscatto

Lorenzo Zucchiatti
2 lettura minima

Seguici sui nostri canali

Titolare in 23 gare di Serie A su 23, poi il Napoli saltato per squalifica e due panchine consecutive, contro il Monza, poi entrato all’intervallo, e l’Atalanta, rimasto seduto per tutti i 90′. Una novità per Tijjani Reijnders queste ultime settimane, che lo hanno visto relegato in un angolino dopo le tante belle cose mostrate nella prima parte di stagione. Dietro a ciò solo pura scelta tecnica di Pioli e un Milan che vuole di più da lui, con l’ultimo gol che risale a 10 partite fa ed 1 solo assist nel 2024 contro la Roma. Urge un riscatto immediato da parte dell’olandese, già dal prossimo appuntamento.

- Pubblicità -

Voglia di Lazio: Reijnders dal 1′, poi l’Europa League

Un Reijnders sicuramente opaco quello dell’ultimo periodo, al massimo da 6-, lontano da quello che aveva impattato subito bene nel nostro campionato. Qualche inserimento e gol in più gli viene imputato ormai da mesi, ma la qualità non si discute, e sale per lui la voglia di Lazio: dopo le ultime 3 gare di campionato in cui ha collezionato solo 45′, contro i biancocelesti è pronto il ritorno dal 1′ insieme a Bennacer, per poi prepararsi alla delicata sfida contro lo Slavia Praga nell’andata degli ottavi di finale di Europa League, diventato di fatto l’obbiettivo principale della stagione del Milan.

- Pubblicità -