Roma, aumentano i ricavi: mercato più libero

Il lavoro svolto dalla società giallorossa permetterà al nuovo direttore sportivo di agire con più libertà sul calciomercato: diminuiscono le plusvalenze da generare entro il 30 giugno

Riccardo Siciliano
1 Minuti di lettura
- Pubblicità -

Seguici sui nostri canali

In attesa di scoprire quale competizione europea giocherà la prossima stagione, la Roma getta le basi per il futuro. La Champions League passerà dai risultati delle ultime due giornate di campionato e dalle prestazioni dell’Atalanta: anche se non dovesse arrivare la qualificazione alla massima competizione europea, il club giallorosso sarà libero di agire sul calciomercato.

Come riportato dal Corriere dello Sport, la Ceo Lina Souloukou nel suo primo anno nella capitale è riuscita ad aumentare sponsor e ricavi, ridurre costi di gestione e le perdite economiche del club. Il risultato è un bilancio più sano che, sommato alle cessioni (su tutte quella di Ibanez), i premi europei e gli incassi del botteghino, permetterà alla Roma di essere più libera dai paletti del settlement agreement.

Entro il prossimo 30 giugno dovrebbero produrre soltanto 10 milioni di plusvalenze, contro i 40 dello scorso anno. In questo modo, il prossimo direttore sportivo, in pole c’è Ghisolfi del Nizza, dovrà concentrarsi meno sulle plusvalenze e più sulle strategia per consegnare a De Rossi una rosa adatta al suo stile di gioco e che possa competere per le prime posizioni della classifica.

Accedi per ricevere Aggiornamenti

Segui le squadre o le competizioni che preferisci per restare sempre aggiornato!

Proseguendo dichiari di aver letto e compreso
l’informativa privacy

P