Roma, Svilar eroico: “Non sento la pressione, potevo parare anche tre rigori”

Redazione
2 lettura minima

Seguici sui nostri canali

La Roma vince contro il Feyenoord ai calci di rigore e passa il turno. Una gara mozzafiato che ha visto i giallorossi andare in svantaggio per poi recuperarla grazie a Pellegrini e condurre il match fino ai tiri dagli 11 metri. Ed è qui che ha preso vita, per così dire, un nuovo eroe: Svilar. L’estremo difensore giallorosso è stato determinante, parando ben due rigori su 5 e consentendo ai suoi compagni di andare avanti nella competizione europea.

- Pubblicità -

A parlarne è stato lo stesso portiere portoghese a Sky: “Incredibile non ho parole, ho lavorato tutta la vita per questo momento, ogni volta che entro qua sembra sempre più speciale. In questi momenti non sento pressione, ho parato due rigori e potevo pararne tre. Abbiamo vinto questo è l’importante. Per quanto riguarda i rigori mi sono allenatore con il preparatore, studiando dove andare. Al momento dei rigori ho deciso dove andare e sono andato tre volte sul lato giusto. Due li ho parati e per oggi va bene”.

L’effetto De Rossi

Svilar è l’esempio eclatante della ventata d’aria fresca che De Rossi ha portato nello spogliatoio della Roma. DDR ha dato fiducia al giovane portoghese, lasciando fuori Rui Patricio, e non ha deluso le aspettative, anzi tutto l’opposto.

Daniele De Rossi, tecnico della Roma*
Daniele De Rossi, tecnico della Roma*

A parlare del tecnico giallorosso è stato anche lo stesso Svilar: “Questa fiducia per me è molto importante che si trasforma in una performance sul campo. Sono più tranquillo e ringrazio il mister per la fiducia. Domani siamo su un’altra partita e speriamo di vincerla”.

- Pubblicità -