Juventus, Allegri tra Udinese e doppio record: ma il futuro è un mistero

Lorenzo Zucchiatti
2 Min. lettura

Segui i nostri Pronostici su

L’ultimo atto della 24ª giornata di Serie A è pronto ad andare in scena all’Allianz Stadium, con la Juventus che deve rispondere ad un’Inter finora infermabile per riportarsi a-4 è tenere accesa una fiammella di speranza per lo scudetto. Di fronte un’Udinese bisognosa di punti e dunque da prendere con le pinze, tant’è che lo stesso Allegri tiene alta la concentrazione dei suoi al fine di non sottovalutare l’avversario e non steccare come successo contro l’Empoli.

Partita speciale per l’ex tecnico di Cagliari e Milan, che in questo lunedì sera potrebbe ottenere un doppio record importante: il primo è di fatto assicurato, e trattasi dell’aggancio a Marcello Lippi al secondo posto nella classifica all-time di panchine con la Juventus. 405 presenze a testa, con il solo inarrivabile Giovanni Trapattoni, con 596, al comando. Il secondo potrebbe arrivare in caso di vittoria con l’Udinese, che farebbe diventare Allegri il primo allenatore a raggiungere quota 1000 punti nella storia della Serie A a girone unico. Tutto molto bello, ma il suo futuro rimane avvolto nel mistero.

Allegri criptico: “Futuro? Ho ancora un anno di contratto”

Nella conferenza stampa che precede la gara contro l’Udinese, è stato piuttosto criptico Allegri sul proprio futuro alla Juventus, lasciando intendere che tutte le porte sono aperte: “Vediamo di finire bene la stagione, ho ancora un anno di contratto. Noi dipendiamo sempre dai risultati e dal lavoro che svolgiamo”. Dalla società non sono arrivati al momento segnali di voglia di cambiamento, convinta che Max sia ancora l’uomo giusto per guidare il club, ma a giugno, a bocce ferme, ci sarà tanto di cui discutere.

In questo articolo si parla di:

Seguici anche sui nostri Social

TI POTREBBE INTERESSARE

i più letti della settimana