😏 Lazio, Lotito fiero: “Siamo un punto di arrivo e non di partenza”

Nel corso di un'intervista il presidente della Lazio Claudio Lotito ha toccato diversi temi, da Zaccagni fino alla partenza di Felipe Anderson

Francesco Mazza
1 Minuti di lettura
- Pubblicità -

Seguici sui nostri canali

Il presidente della Lazio, impegnata stasera con il Genoa, Claudio Lotito, ha rilasciato un’intervista a Lalaziosiamonoi.it in cui ha parlato di mercato e di alcuni suoi giocatori. Per primo l’argomento Zaccagni: “È un giocatore che ha dimostrato attaccamento alla maglia, aggiungo che parecchie considerazioni sono state fatte dai mezzi di comunicazione, niente di attinente al vero, è stato solo creato dell’allarmismo”.

Il presidente ha aggiunto: “I calciatori che decidono di fare un’altra esperienza non lo fanno perché alla Lazio non stanno bene. La Lazio oggi è un punto di arrivo e non di partenza, purtroppo le considerazioni di alcuni calciatori sono state anche fatte per motivi familiari o economici. Se uno decide di andare in Arabia a prendere 25 milioni di stipendio non è un giocatore che può giocare alla Lazio e in nessuna altra squadra in Italia”.

Lotito ha concluso parlando anche dell’addio di Felipe Anderson: “Mi ha chiamato, a malincuore, nonostante avesse avuto anche la rassicurazione di una prospettiva futura, ha fatto una scelta famigliare e io non posso rimproverargli nulla anche perché mi ha assicurato che avrebbe dato il massimo fino alla fine della sua esperienza alla Lazio”.

Lettura: 😏 Lazio, Lotito fiero: “Siamo un punto di arrivo e non di partenza”

Accedi per ricevere Aggiornamenti

Segui le squadre o le competizioni che preferisci per restare sempre aggiornato!

Proseguendo dichiari di aver letto e compreso
l’informativa privacy

P