Italia, parla Mancini: “Vincere la Nations League sarebbe fantastico, ma attenzione alla Spagna”

Lorenzo Bosca
3 Minuti di lettura
- Pubblicità -

Il CT dell’Italia Roberto Mancini è intervenuto quest’oggi sui canali ufficiali Uefa per parlare dell’impegno in Nations League che attende il gruppo azzurro. Tanti i temi trattati a partire dal match di Milano.


Leggi anche:


Di solito San Siro è pieno quando gioca la Nazionale, sarebbe fantastico vincere la Nations League subito dopo l’Europeo e qualificarsi in anticipo per la Coppa del Mondo, ma non sarà facile. La Spagna è stata la squadra che ci ha messi più in difficoltà a EURO 2020. È una squadra forte, con buoni giocatori. Sarà una bella partita. Loro sono bravi nel palleggio, mentre noi non abbiamo avuto tempo per arrivare ai loro livelli, ma stavolta sarà diverso” ha dichiarato Mancini.

Il tecnico si è poi soffermato sul ricordo (ancora indelebile) del Campionato Europeo: “La cosa più bella di Euro 2020 è probabilmente il rapporto che si è creato in squadra. Il gruppo ha lavorato insieme per 50 giorni e non è facile. Sono stati giorni duri e faticosi, ma non ci sono stati problemi. La chimica e l’affetto non sono facili da ottenere. È stato fantastico perché abbiamo reso felici tante persone, giovani e meno giovani. È stata una festa per tutti, forse a causa del periodo che stiamo vivendo. I tifosi erano entusiasti e noi giochiamo per far divertire la gente”.

Chiesa e Donnarumma, fedelissimi del Mancio, sono poi gli ultimi punti toccati nell’intervista, verso i quali non ha potuto che spendere buone parole:  Donnarumma ha iniziato a giocare da giovanissimo. Ha grandi qualità, migliora anno dopo anno e vuole essere considerato il miglior portiere del mondo. Certo, siamo stati molto fortunati ad averlo a Euro 2020. Chiesa penso possa crescere ancora. Sta migliorando sotto diversi aspetti. Ha buone doti atletiche e tecniche, deve crescere mentalmente e trovare stabilità”.

 

Lettura: Italia, parla Mancini: “Vincere la Nations League sarebbe fantastico, ma attenzione alla Spagna”
P